Salta al contenuto

Categoria: lavoro

Sogni di incubi

Stanotte o stamattina ho sognato un uomo, un tizio, un collega di un tizio di cui ho scritto. E’ uno con l’aria da frontman, che potrebbe far la copia di Mark Hoppus dei Blink 182, stessi capelli, ma un po’ cicciottello, un po’ anni novanta ma non skate punk, semmai…

Lascia un commento

Piano B

Chissà perché mi immagino che un piano B potrebbe essere un piano intermedio tra il piano 1 e il piano 2. I piani, nella mia testa, sono in numeri e non in lettere. Negli ultimi tre giorni il caso e le circostanze mi hanno riproposto la questione di un piano…

Lascia un commento

Mi stupisco sempre

Ho cambiato lavoro. Nella fabbrica di Fantozzi, quella chiamata La Morte Nera per l’aspetto rassicurante dell’edificio che accoglie migliaia di impiegati e in cui il super mega direttore generale in realtà non c’è perché sostituito da un Head Office di potenti segretarie amanti del fax e ciccioni profumati in doppio…

Lascia un commento