Skip to content

Body & Soul

… In questi casi consiglio un’ “inzuppatura veloce”. Prendete una bacinella di acqua calda a 47°C ( per misurare il calore, immergete prima una mano: se la sentite abbastanza calda, allora va bene ), e immergetevi la testa a partire dal naso fino alla cima dei capelli, per cinque-dieci secondi circa. Poi, riemergete di getto. Dopodiché, avvolgetevi immediatamente in un accappatoio o un asciugamano. In questo modo, il vostro corpo inizierà a sudare copiosamente, a partire dalla testa. Così facendo avete mandato in tilt le ghiandole sudoripare: i sensori termici della vostra epidermide, colti di sorpresa, saranno indotti a produrre sudore. Essendo uno stimolo involontario, le difese della vostra epidermide ne usciranno rinforzate.

Sabato ho fatto la spesa. Quindici chili circa di libri.
Tra questi anche questo manga, che ho trovato delizioso.
Body & Soul di Erica Sakarazawa e Takumi Terakado.
La sua copertina ha attirato opportunamente la mia mano visti i miei anomali mal di testa dell’ultima settimana.

Sudare fa bene.
Miku, giovane spanata venticinquenne del segno dell’acquario, si sbronza in un locale e la rimette in sesto con un bagno caldo un uomo fermo e capace. Il bagno caldo ovviamente è a casa di lui e lui non si approfitta assolutamente di lei. Cose che succedono.
Lei, che poi mollerà il tipo con cui sta, continua a non sentirsi fisicamente in forma. Le consigliano quindi di andare da un chiropratico, il cui studio si chiama Body & Soul, interno 3F, tra lo Studio Medico Oshita, 2F, e le Conversazioni di Inglese per Studenti Erasmus, 4F. Il dottore è Moriya Rintaro, trentacinque anni, lo stesso uomo di poche parole e molti fatti di qualche sera prima.

Io in mancanza di una vasca da bagno in casa, faccio docce bollenti e vado a correre.

E ho iniziato un nuovo libro.
Il racconto inizia a maggio, perfetto per questi giorni.
Quarantadue studenti quindicenni, ventuno maschi e ventuno femmine, ignari di quanto sta per accadere, vengono narcotizzati sul pullman della gita scolastica e portati su un’isola deserta, precedentemente evacuata e appositamente scelta dal governo della Repubblica della Grande Asia. I ragazzi vengono costretti a partecipare ad un “gioco” per uccidersi a vicenda.
Quarantadue. Come la risposta alla domanda fondamentale.
Solo uno potrà far ritorno a casa.

Soundtrack: Radiohead – No surprises

… you look, so tired and happy…

36 Comments

  1. elinepal elinepal

    adoro i manga. Il tema del romanzo è raccapricciante

    • Bachelorette Bachelorette

      Il retro di copertina dice che è un tenebroso incrocio tra Il Signore delle Mosche e 1984. Pare che sia il libro più letto di tutti i tempi in Giappone e ne hanno tratto manga, videogiochi e film.
      Non avrei mai detto che amavi i manga. E io che ti pensavo più “classica”!

      • elinepal elinepal

        sono poliedrica! 🙂

  2. Il titolo del libro?
    Passato il mal di testa?

    • Bachelorette Bachelorette

      Introduzione.

      Cosa? Battle Royale? Vuoi sapere che cosa è una Battle Royale? Dai, non dirmi che non lo sai…. e allora perché vieni a vedere gli incontri di wrestling professionistico, eh? Il nome di una mossa? Il nome di un torneo? no, Battle Royale è un tipo di incontro di wrestling professionistico. Cosa? “oggi?” Oggi, qui intendi? No, non è in programma oggi. Si svolge soltanto in grandi arene, nel contesto di grandi eventi…. di solito nel wrestling professionistico combattono uno contro uno, oppure tra coppie, be’, in una Battle Royale sul ring vanno dieci o venti wrestler tutti insieme“.

      Battle Royale, Koushun Takami.

      Il mal di testa per ora è passato. E ho sudato tutta la notte. Ora doccia!!

      • Pensa che coincidenze!!!! Ieri sera stavo quasi per postare sul blog una giapponesata e alla tele ieri ho visto una trasmissione su Tokio…

        • Bachelorette Bachelorette

          Pensa! La trasmissione l’avrei guardata anche io magari. Di che cosa parlava?

          • Una trasmissione che in chiave ironica raccontava di Tokyo e Giappone. Su MTV, il testimone.
            Tra le varie cose hanno intervistato un jappo patito per l opera che aveva imparato a cantare a Milano ma successivamente aveva perfezionato l accento napoletano per cantare meglio canzoni tipo torna a Sorrento… 😉

            • Bachelorette Bachelorette

              Magari lo ribecco in replica.

              • Magari…. Non ho voglia di far nulla oggi!!! Soluzioni?

                • Bachelorette Bachelorette

                  Giretto in piazza, caffettino, aperitivo, lettura del giornale…

  3. Battle Royale è veramente un pugno nello stomaco e mi fa pena chi pensa che Hunger Games sia qualcosa di originale…
    Body & Soul sembra molto interessante, mi informo…

    • Bachelorette Bachelorette

      Non ho mai giocato al videogame. Ho letto venti pagine del libro e per ora è più interessante di quanto avrei immaginato, per niente banale, almeno per me che di solito prediligo letture poco cruente e classiche.
      Body & Soul è proprio carino. Credo buono per una donna, perché quanto ho letto fino ad ora parla molto del corpo femminile, di come reagisce. Forse a te piacerebbe.

  4. Canzone splendida, letture interessanti… Pensieri genuini… Mi piaci.

    • Bachelorette Bachelorette

      Graaaazie! 🙂

  5. curioso il libro, da provare direi 😉

  6. fango fango

    l’ho letto! il libro, non il manga.
    mi è piaciuto, anche se. l’anche se non te lo dico, ne parleremo quando l’avrai finito.
    ne vale sicuramente la pena.

    • Bachelorette Bachelorette

      ne vale sempre la pena! 😉 ne riparliamo tra un po’ allora. grazie.

    • Bachelorette Bachelorette

      ho finito il libro. adesso dimmi, pensi anche tu che sia stato un gran gran bel libro? anche tu hai pensato che però il finale l’autore l’avesse scritto in fretta?
      io sono rimasta piuttosto colpita dal fatto di non aver trovato nessun passaggio noioso, sebbene scrivesse in fondo sempre di omicidi o suicidi. inoltre non ho provato nessuna sensazione di fastidio o ribrezzo, nonostante tutti i morti. tra le descrizioni che maggiormente mi sono rimaste impresse ( e che per un verso mi hanno affascinato per come sono state scritte ) c’è quella del sangue, di quel “tanto” sangue, con il suo odore intenso.

      • fango fango

        oh, si!!!!
        il finale, il finale! è come se la conclusione fosse troncata, no? come se non c’avesse più voglia di fare le cose per bene e avesse voglia di finire. è proprio il finale il mio “anche se” del primo commento.
        non è noioso, anzi, per quanto riguarda morti ecc io ho letto parecchie cose pesantine, quindi non l’ho trovato troppo forte.
        ecco, io lo trovo un bel libro. gran gran, no. il finale ha tolto molto dal mio giudizio complessivo, forse troppo, ma d’altronde mi ha fatto incazzare.
        sono contenta ti sia piaciuto, bello questo confronto.

        • Bachelorette Bachelorette

          sì, fa piacere anche a me. non conosco altri che l’hanno letto! però io lo scrivo: non è che il finale toglie tutto al libro. insomma, se chi ora sta leggendo qui ha dubbi se comprarlo o no, io direi anche di sì.

          • fango fango

            si, anch’io lo consiglio, infatti sono rimasta un po’ stupita che condividessi la mia stessa opinione sul finale: avevo letto varie recensioni ma nessuno aveva avuto nulla da ridire.

    • Bachelorette Bachelorette

      grazie!

  7. Daniele Daniele

    Stupendo il riferimento al numero 42!

    • Bachelorette Bachelorette

      Ricompare sempre! Ma probabilmente è solo perchè noi ci facciamo caso.

  8. Di Battle Royal ho letto la versione manga. Terrificante, sotto certi aspetti, ma comunque qualcosa che dopo averlo letto ti lascia qualcosa dentro…

    • Bachelorette Bachelorette

      Il manga non l’ho letto. Il libro però mi è veramente piaciuto molto. Suppongo che dipenda anche dal momento della vita in cui uno affronta una determinata lettura, fatto sta che non l’ho trovato terrificante ma liberatorio. Probabilmente ne avevo bisogno. Lo consiglierei vivamente.

  9. Venerdì | FarOVale Venerdì | FarOVale

    […] desidero solo starmene da sola con il mio libro. […]

  10. Non avevo dubbi sul fatto che il secondo libro fosse di matrice giapponese.

    • Bachelorette Bachelorette

      Non sono un’appassionata del Giappone, in realtà. Mi piacciono alcune cose, come cucinare per esempio circa una volta a settimana il ramen o gli incastri di legno di certe case. Banana ( una che si chiama cosiì!? ) Yoshimoto per esempio non mi era piaciuta molto, nonostante poi abbia comprato e letto più di un suo libro.

      • Neanche a me Banana è piaciuta. Io però mi sono fermata al primo tentativo. Sono convinta che ci sia un grande gap culturale tra me e lei. Che per capirla avrei bisogno di molta più conoscenza di tutto il sistema di riferimento. E così anche col cinema, a meno che non provenga da registi più occidentalizzati. Io ci provo perchè mi affascina, ma non sempre ci riesco.

        • Bachelorette Bachelorette

          Per me vale la stessa cosa, credo. a volte mi dico che sono prevenuta perché non riesco ad andare oltre a certi – forse – preconcetti che ho nei confronti dei giapponesi. Non riesco veramente a comprendere la razionalità o bellezza di certi atteggiamenti, dalla passione per le ragazzine in divisa all’eccessivo spirito di corpo o l’isolamento sociale di certe persone, voluto o imposto che sia.
          In parte mi affascina, come scrivi tu, e in parte proprio per niente.

  11. ludmillarte ludmillarte

    adoro le spese da 15 kg di libri ! 🙂 ciao Lud

    • Bachelorette Bachelorette

      anche io !! ciao! 🙂

Comments are closed.

Scroll Up
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: