Salta al contenuto

Uova strapazzate alla James Bond

Lisa Simpson: Hai qualcosa da mangiare che non sia stato massacrato brutalmente? Homer: Beh, forse il vitello è morto di solitudine. ( Faith Off, episodio BABF06, 2000 ).

Il libro “Maschi, usi e costumi”, che leggo in ameni momenti di svacco, sostiene che la cucina di uno scapolo è una cucina essenziale; in linea di massima un uomo può facilmente cucinare e mangiare con un cucchiaio, una forchetta, un piatto, una padella e una spatola. Pochi utensili ben scelti ti rendono un cuoco migliore che avere una cucina piena di attrezzi.

A me questa ipotesi fa venire in mente solo un’immagine: un uomo in pantaloni di pigiama e petto nudo che cucina uova strapazzate. Sarà la primavera.

Ricetta delle Uova Strapazzate alla James Bond

Tratto dal racconto di Fleming intitolato “007 a New York“.

“Soleva prendere un altro Martini dry al tavolo, poi del salmone affumicato e quelle particolari uova strapazzate che una volta (Felix Leiter conosceva il capo-cameriere) aveva spiegato come andassero preparate.

Ingredienti per quattro persone

  • 12 uova fresche.
  • Sale e pepe.
  • 5-6 once di burro fresco.

Rompete le uova in una ciotola. Sbattete ben bene con una forchetta, salate e pepate. In un piccolo recipiente di rame ( o in una padella dal fondo pesante ) sciogliete 4 once di burro. Quando è fuso, versatevi le uova e cuocetele a fuoco molto basso, sbattendole continuamente con una piccola frusta per uova. Quando le uova sono leggermente più liquide di quanto vorreste mangiarle, togliete la padella dal fuoco, aggiungete il resto del burro e continuate a sbattere per mezzo minuto, aggiungendo l’erba cipollina finemente tritata o altre erbe aromatiche. Servitele su pane tostato caldo o imburrato in piatti di rame individuali ( solo per l’estetica ) accompagnati da champagne rosé ( Taittinger ) e da musica a basso volume.”

Ché poi le uova andranno bene lo stesso, anche senza James Bond o il suo cuoco che  disturbano.

Come dice Chalers Perce, l’amante perfetto è quello che procura una pizza alle quattro del mattino.

Soundtrack: Accidentally in Love – Counting Crows

Sii il primo a commentare

Rispondi