Salta al contenuto

Come i leader ispirano le azioni

Simon Sinek è un autore e consulente.
E’ diventato famoso per la Teoria del Golden Circle e in tempi di elezioni è un argomento interessante.
In sostanza Simon Sinek afferma che partire dal “perché” delle cose, è il modo per influenzare emotivamente il pensiero e le decisioni degli altri, dal momento che rispondere al “perché” richiede che si attivi una parte profonda del nostro cervello e non solo la corteccia, come richiedono invece il “come” o il “cosa”.
Partire dalle motivazioni in un discorso lo rende efficace e soprattutto aziona delle “emozioni”, a livello inconscio, producendo effetti più performanti che limitandosi al cosa o al come.
Questo vale nel discorso di Bill Gates come in una presentazione aziendale, in un breve racconto giallo o in un post passatempo sul blog FarOVale.

Il Golden Circe della motivazione umana

Sono questioni che ad uno psicologo risultano banali probabilmente.
L’applicazione pratica pare interessante.
Il “Golden Circle” della motivazione umana può essere rappresentato con un livello più esterno riguardante il “what” (cosa), uno più interno concernente l’ “how”(come) e un focus “why”(perchè): uno schema facile da seguire e di chiaro impatto.
Suppongo che il ragionamento calzi perfettamente nella nostra epoca, in cui siamo stufi di how e ne abbiamo abbastanza di what e spesso nessuno ci spiega il why, avendoci trattati per decenni come pecore.
Spiegare il perché suggerisce l’ispirazione per cui compiamo un’azione. Inoltre siamo sempre alla ricerca di emozioni, coinvolgimento, motivazioni, chiarimenti.

Mi sono chiesta se la teoria calzi bene oggigiorno anche per un altro fondamentale motivo: abbiamo sempre meno tempo e desideriamo soprattutto arrivare al nocciolo della questione. Sono propensa a considerare che, escludendo una situazione di pigrizia mentale, l’ipotetica sfilza di perché di un leader non mi convincerebbe poi molto senza sapere come o cosa.

“I have a dream”: perché? Mi basterebbe?

Ho immaginato infatti il discorso di un politico che punta sul soddisfare i bisogni dei suoi elettori, che spiega il perché del proprio programma e non dà dettaglio, se non superficialmente, del come realizzarlo e in che cosa si concretizzerà: suppongo che questo politico potrebbe ricevere i voti di molte persone per poi lasciarle deluse in poco tempo.

Se quindi il messaggio di Sinek mi pare applicabile alla storia, alla mission e alla vision aziendale, di certo ha poco a che fare con la concreta sostanza, con le pagine di descrizione dei prodotti o i servizi; perfetto per le masse, mi lascia perplessa per il singolo.

Video: Simon Sinek a TED

 

stevejobs

Sii il primo a commentare