Skip to content

Una storia semplice

“La telefonata arrivò alle 9 e 37 della sera…”

Probabilmente starà studiando il caso, il dott. B., che nel suo essere siculo, commerciale e carrierista, forse ritiene che non sia ancora il momento di agire o forse ritiene che la sua fidanzata possa rimanere tale.

“Ma si ricorda di me?”
“Certo che mi ricordo”.
“Posso permettermi di farle una domanda?…Poi gliene farò altre, di altra natura…”

L’altra sera, mentre teneva in mano un po’ me e un po’ la mia copia del libro, mi diceva quanto gli piaceva l’idea che ci fosse un libro di Sciascia che non aveva letto, con un titolo così bello poi, e mi chiariva il suo punto di vista sulla vita: certe cose, se uno vuole, se le prende, se vuoi arrivare ad un obiettivo, ti metti di impegno e fai di tutto per ottenerlo, la strada la trovi.
La mia, lì davanti, era una faccia piuttosto perplessa. Lui in piedi, con il libro sotto la lampada, a darmi le spalle, e io perplessa e forse, ancor di più, divertita.

“Riassumiamo” disse il questore. “Riassumiamo e decidiamo… Decida, cioè, il signor Procuratore: tra poco avremo i giornalisti alla porta”

Qualche settimana fa ho letto “Una storia semplice”, un complicatissimo giallo, bello da mangiarselo, di poche pagine, ambientato in Sicilia. Un minuscolo romanzo che inizia facile, ma poi è aggrovigliato, complicato e accelera senza dare il tempo di riflettere. Di quei romanzi però che rileggeresti, che rileggerò.
Il colpevole è chi meno te l’aspetti, o forse lo hai sospettato da sempre, uno di quelli che finisce le tue frasi. Ecco. Il colpevole poi non è solo, perché ci sono molte, moltissime persone da cui non te lo aspetteresti mai.

Pensò di tornare indietro, alla questura. Ma un momento dopo: “E che, vado di nuovo a cacciarmi in un guaio, e più grosso ancora?”
Riprese, cantando, la strada verso casa.

 

33 Comments

  1. “La strada la trovi”. Come? anche se non so qual è la mia strada? non sapendolo, come faccio a trovarla? andando a caso? tristezza…

    • Bachelorette Bachelorette

      Come fai a non sapere qual è la tua strada? Non sai cosa ti fa star bene?

      • ..non so che rispondere… mi sento bloccata nello stesso punto senza sapere dove andare.. come se avessi 15anni e non sapessi che cosa voglio fare da grande… sob

        • Bachelorette Bachelorette

          Quindici anni? Mi sembra un ottimo inizio. E sicuramente a quindici anni c’è qualcosa che ti diverte.

          • a quindici anni credevo di avere un futuro, ora mi sembra che se lo sia mangiato l’uomo nero.

            • Bachelorette Bachelorette

              E’ morto. Fidati! Non lo pensare più, perché non esiste. E datti tempo. Datti tutto il tempo di cui senti di aver bisogno. Poi le cose succedono.

  2. Trovato! 21 pagine appena… lo leggo e poi ti dico! E grazie per la dritta!

    • Geniale. Semplicemente geniale. Bellissimo.

      • Bachelorette Bachelorette

        Geniale. Bellissimo. Appunto.

        • Di che farne magister vitae, dunque?

          • Bachelorette Bachelorette

            E’ una storia semplice.

            • Appunto. Semplice. Come te. 😉

  3. rO rO

    Questo post si accompagna bene con la pasta alla norma.

  4. Daniele Daniele

    È di Sliding Doors l’immagine alla fine? Con riflesso…

    • Bachelorette Bachelorette

      Secondo la top five stilata dal dott. B., Sliding Doors è il primo dei miei film preferiti. La signora Paltrow tuttavia ha subito un lieve lifting nella foto, se si nota.

      • Daniele Daniele

        Cavolo se si nota! Dimostra 18 anni.
        C’è da dire però che quando ha girato il film aveva 1998-1972=26 anni, quindi era nel suo momento migliore.
        E secondo la TUA top five? Oppure mi stai dicendo che il dottor B. è il tuo alter ego? Tipo: dottor B. e la signora Bachelorette…

        • Bachelorette Bachelorette

          Il gioco è ancora in corso. Con il dott. B. siamo rimasti solo al terzo film della top five. Non posso scriverne qui perché altrimenti il gioco finirebbe!

          Il mio alter ego? Sarebbe divertente. Dovrei sentire cosa ne pensa. Chissà.

  5. geleselibero geleselibero

    quanto è bello leggere Sciascia. Ho appena regalato a mio fratello “il mare colore del vino”

    • Bachelorette Bachelorette

      Non l’ho letto ancora, ma è tra i miei desideri farlo.

  6. M2 M2

    Hey, qui si tifa per un cambio di nickname 🙂

    • Bachelorette Bachelorette

      Anche a te non piace?

      • M2 M2

        E’ simpatico e suona bene, ma mi pare il nick che si sceglie perchè si vuole essere diversi da quello che descrive. In tal caso non mi piace e mi auguro che possa cambiare.

        • Bachelorette Bachelorette

          Mi piaceva il nome perchè pensavo all’idea di “bachelor” che è sia un titolo accademico sia la traduzione per “scapolo”. Inoltre mi è capitato spesso di pensare all’inizio dell’omonimo film, alla scena con i mustang, per capirci. Per il sesso femminile esiste questa versione: bachelorette, sebbene spesso con significato dispregiativo. “Bachelorette” è anche un famoso singolo di Bjork.

          • M2 M2

            Detesto Bjork e non ho visto il film, ma il resto lo sapevo, giuro. Mi cerco la scena iniziale del film per colmare la lacuna, ma Bjork non la riascolto 😀 Poi forse ricordo male, ma nel tuo precedente gravatar si illustrava il significato del nick.

            • Bachelorette Bachelorette

              Detesto i lettori attenti. Forse tu non lo sei. Giuro che non indagherò!

  7. OT (scusate): avevate ragione, là fuori nel mondo il caldo esiste.
    PS: Bjork è quella che ha avuto il fegato di andare in Cina e inneggiare alla libertà del Tibet:
    http://youtu.be/ZEUFCK1qBMI

    • Bachelorette Bachelorette

      Bjork l’ho ascoltata moltissimo per alcuni anni, poi, come una torta molto dolce che hai mangiato a colazione per troppo tempo senza alternarla a nulla che equilibrasse quel sapore generalmente piacevole ma non armonico per il tuo corpo, non è tra i miei preferiti.

      • A me non piace proprio per niente, né mai mi è piaciuta, però il coraggio di andare a parlare di Tibet in Cina (ha ricevuto minacce di morte a non finire, oltre a vagonate di insulti per questo), quando, per dirne una, la nostra Emma Bonino quando è andata lì non ha avuto il coraggio di fiatare né su quello, né sui diritti umani, mi sembra una cosa veramente notevole.

  8. RiVerso RiVerso

    Certo che una recensione così ti obbliga a cercare il libro e leggerlo… ed io che questa mattina “avrei voluto tanto lavorare”… già 😉

    • RiVerso RiVerso

      Delizioso… davvero. Grazie per la splendida scoperta 🙂

  9. Franz Franz

    Benché ancor più breve, la storia raccontata in questo post non è affatto semplice.
    Ma lo stile è originale e molto incisivo (caso sempre più raro, fra le troppe cose che vengono rese di pubblico dominio), e mi fa pensare a una doppia scoperta felice: quella di un giallo “bello da mangiarselo” e di un blog a più mani “interessante da coltivarselo”.

  10. Cam Cam

    Quel racconto è meraviglioso, e andrebbe studiato, sviscerato, oltre che mangiato.

Comments are closed.

Scroll Up
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: