Skip to content

La vera storia di Bruno Filipponio

Ne hanno scritto da diverse parti ma noi abbiamo prova tangibile diretta: una lettera originale giunta da Bruno Filipponio.

Chi è Bruno Filipponio? Un richiedente libri della provincia di Salerno?

Poco tempo fa è giunta anche a me ai confini dell’Impero, una lettera con regolare affrancatura, proveniente da Bruno Filipponio.
La busta, sulla patellina di chiusura, riporta il suo timbro:

FILIPPONIO BRUNO
Via Antica, 2
84090 – Filetta
(SALERNO)

La lettera è firmata a mano, così come la busta a me indirizzata.
Trovare i miei riferimenti legati al catalogo di cui mi chiede di inviargli una copia non credo sia stato facile. Il signore in questione deve aver sicuramente effettuato una ricerca attraverso internet, riferendosi alla società per cui lavoro, per poi verificarne l’organico. Mica cosa da vecchietti! Quanti anni avrà Bruno? 

La lettera, scritta a macchina presumibilmente anni ’80 e non pezzo d’antiquariato, ha un lessico garbato e ossequioso, anche un po’ pomposo, come non si usa più, e fa appello ai miei buoni sentimenti per omaggiarlo di una copia di un catalogo d’arte, per altro acquistabile anche online per meno di 40,00 euro, spedizione esclusa.
Dopo una prima lettura, sorridendo sicuramente, era chiaro che trattavasi di una lettera standard, modificata poi nel titolo dell’opera da richiedere, con scambio reciproco – a me sarebbe toccato il volumetto stampato nella metà del ‘900, caro ricordo di famiglia “Pironti: Osservazioni e chiose sul vernacolo e dialetto (Napoli) – ho iniziato a chiedermi chi poteva essere il sig. Bruno Filipponio.

Il libricino di Pasquale Pironti è lo stesso promesso a innumerevoli dottoresse, vista la copia delle stesse lettere, contenenti le stesse informazioni, che ho trovato in rete. Possibile che il caro reperto di famiglia fosse poi sempre ritornato alla base? La Biblioteca nazionale Vittorio Emanuele III ne ha una copia, per chi fosse interessato a capire di cosa si tratti.

Il Sig. Filipponio non risulta sull’elenco telefonico.

Dopo un po’ di indagini ho scoperto che il sig. Filipponio, al quale in un iniziale momento di gentilezza stavo per spedire quanto supplichevolmente richiesto, sta richiedendo un catalogo dopo l’altro a diversi soggetti e internet racconta che la prassi va avanti da molti anni.
Così ho ricordato che tempo fa per lo stesso catalogo avevo ricevuto anche un’altra richiesta, da una studentessa, a cui avevo rifiutato l’invio perché non ero al momento in possesso del testo. Non sarà forse la stessa studentessa o un’intera famiglia di mariouoli?

Vi allego la copia della lettera:

Bruno

 

Vi siete chiesti anche voi se esista poi una casa a quell’indirizzo? Io sì. Ebbene, secondo Google Maps, se non ho sbagliato l’impostazione, è una casetta a tre piani, dipinta di verde menta, non lontano da un mozzarellificio (cosa che noi tutti apprezziamo).

viaantica

 

A questo punto ulteriori domande nascono spontanee:
– dove terrà tutti i testi?
– ha una partnership con una libreria locale?
– il postino cosa ne pensa?
– il Caseificio Di Capua e Figli conoscerà il sig. Filipponio?
– gioca a Tennis il sig. Filipponio?

Non riuscendo a rispondere a tutte queste domande, mi sono lanciata in un’ulteriore ricerca informatica, riuscendo a trovare quanto segue: un sig. Bruno Filipponio, 74 anni di san Cipriano Picentino, ha un account su Libero. … ma Google Maps dice che ci sono ben 5 km di distanza da Filetta.

Un altro buco nell’acqua?

Rimane un mistero.

Post scriptum: hai ricevuto anche tu una sua lettera? Scrivi qui sotto un commento e fammi sapere se hai trovato il sig. Bruno.

 

28 Comments

  1. la caccia al mistero. Bachelorette indossa i panni di Mr. Poirot. Le indagini sul delitto, pardono sul mistero, come vanno? proseguono o languono. Certo che Filliponio incrementa gli introiti delle poste con tutte le sue richieste.

    • Arenate! Completamente arenate. E poi, diciamocelo, è più divertente così che scoprire il viso di qualcuno che magari non gradiresti conoscere.

      • Anonimo Anonimo

        Bruno Filipponio colpisce ancora, stessa modalità, stessa firma, stesso indirizzo e lettera spedita da Napoli.

  2. Mi permetto di discordare dalla modalità di indagine scelta per indagare sul mistero. Lei usa sistemi 2.0 per svelare un enigma che Le si pone su vecchi strumenti tradizionali: servizio postale cartaceo. La lettera che ha ricevuto ha sicuramente un bollo di invio che le darà più informazioni sul mittente. Io proverei a rispondere con lo stesso sistema all’indirizzo indicato chiedendo delucidazioni su come effettuare il pagamento. Di sicuro ci sarebbero sviluppi …
    Ossequioso La saluto.
    B. F.

    • Sarebbe veramente buffo se lei fosse Bruno Filipponio! Purtroppo non si legge nulla dal timbro postale, che risulta evidente per un quinto del cerchio. Non sono, ahimé, in grado di leggere il codice a barre, cosa per cui forse potrei tuttavia chiedere aiuto ad un amico postino.
      Quanto a scrivere al sig Filipponio, sinceramente credo che sarebbe una perdita di tempo. In fondo, la lettera a me scritta è standard. Potrei apprezzare il fatto che abbia cercato il mio nome e quindi abbia dedicato del tempo alla questione, ma non che mi abbia scritto una lettera uguale a tante altre.

      • Mi incuriosisce molto la vicenda, proverei solo per soddisfare la curiosità.
        Comunque hai ragione: è un “pacco” dai confini. 🙂

        • Puoi scrivergli a nome mio ! Certo, firmata a nome del mio “procuratore”!

          • Questo è vero, non c’avevo pensato ma se ti ingegni troverai la soluzione. Al “pacco” si risponde col “contro-pacco” 🙂

            • Avevo anche pensato di scrivergli per rilasciarmi un’intervista…. te lo immagini?

                • L’idea era quella di scrivergli una lettera cartacea con la richiesta e poi però farmi rispondere via email :)) promettendogli visibilità per ricevere molti e molti altri libri!

                • Questa mi pare una buona idea.
                  Ho visto che ci sono molti blog che parlano di questa lettera, anche in post molto vecchi … Ma

    • rO rO

      Mai sei tu!! Ah, come sarebbe stato divertente!

  3. La cosa appare bizzarra e nondimeno intrigante. Ammesso che alcune fra le innumerevoli dottoresse risponda e invii il catalogo richiesto, ammesso pure che la prima di esse riceva in cambio il caro ricordo di famiglia, mentre per le altre non rimarrà nulla… Perché richiedere in questo modo una copia di un’opera disponibile in commercio a un prezzo accessibile, spendendo chissà quanti soldi in affrancature varie? Il Sig. Filipponio avrà già messo in conto di rivendersi eventuali copie in più che dovessero pervenirgli per rientrare di tali spese? E se invece di mariuoli si tratta, quale sotterfugio nasconde tutto ciò?
    Come giallo epistolar/letterario estivo è curioso, anche se è probabile che ogni domanda resterà senza risposta.

  4. Quella lettera è un capolavoro….Il Sig. Filipponio ha un nome da romanzo, un lessico da novella e lo si immagina come un fumetto (graphic novel) digitare sulla lettera 22 una richiesta insolita, forse bizzarra con padronanza di grammatica e garbo. Si potrebbe scrivere un romanzo, partendo da quel foglio dattiloscritto e firmato.

  5. Gent, ma dr. Ssa

    Approfitto dell’angusto spazio letterario da lei allestito per sottoporre alla gentile attenzione dei lettori un dilemma che ammorba la pacata tranquillità delle mie notti balneari. Non ricordo il momento in cui ho appreso quanto sia infelice la mia esistenza, nonostante io abbia da goderne i frutti, attraverso la compagnia degli innumerevoli testi raccolti in ogni dove. Tomi che nel tempo l’evoluzione sentimentale ha trasformato in fraterni amici. L’infelicità a cui poc’anzi alludevo è il prodotto di un vuoto da colmare, che nulla ha a che vedere con la ricerca di un quid alieno ai miei interessi quotidiani. La mancanza è perciò figlia illegittima di qualcosa che bramo da sempre e che minaccia una serenità composta da pezzi disposti a guisa di tasselli, il cui incastro permette allo scrivente di funambolare in perfetto equilibrio sopra il più classico degli orridi romantici, l’Antro Coricio. Gentile Dottoressa, voglia credermi, non amo affatto turbare la sensibilità degli illustri ospiti, proponendo a chiunque di loro un baratto equipollente, acciocché nessuno abbia da contestare la perdita di un affetto per l’acquisizione di un altro d’impari valore. Mi si permetta di negare con ardimento, allontanandone il sospetto, che io sia non una persona per bene ma un mariuolo di infima natura. Haud facile astutus fallit astutum, ai Pari nulla è sottratto che essi non vogliano. Mi si permetta altresì di negare ogni mio coinvolgimento in proposte di scambio che nulla hanno di vero, eccetto la ferma e condannabile predisposizione all’elementare illecito. Le credenziali che mi accompagnano vantano una solidità il cui nerbo è frutto di anni di onesta et umile condotta, di certo mai toccata dall’afflato malefico della corruzione delinquenziale.

    In attesa e fiduciosa risposta, la ossequio.

    Ad Maiora!

    • Non sei Bruno Filippino!! Il tuo stile è riconoscibilissimo, simpatico imbroglione! E comuque, “angusto spazio letterario” non è un bell’incipit.

  6. E. KOHLER E. KOHLER

    Je viens de recevoir cette même lettre aujourd’hui. Etonnant, n’est-ce pas ?
    E. KOHLER, Directrice des musées de l’Agglomération d’Annecy.
    (Ho appena ricevuto la stessa lettera di oggi. Incredibile, non è vero ?
    E. Kohler, Direttore dei musei dell’Annecy Agglomerazione, Francia)

    • Intéressant! Et la lettre a été écrite en italien ou en français? Nous pouvons avoir de nouveaux indices sur la véritable identité de M. Filipponio. 😉
      Comme je l’écrivais, il est peut-être une belle blague … ou peut-être une arnaque bien gérée qui a été en cours depuis de nombreuses années.
      Meilleurs voeux aussi à vous!
      … Mon français est terrible.

  7. DAVIDE DAVIDE

    Salve,
    io ho riceuto ben tre anni fa or sono la lettera, da allora ho l’impressione che mi siano girate storte molte cose a me e famiglia!
    premetto che solitamente non sono superstizioso, ma inizio ad insospettirmi…
    Avete avuto lo stesso riscontro?
    grazie
    ps. il testo richiesto non lo inviai…

    • Confermo un anno veramente pessimo sotto molto aspetti. Dici che la sfiga dura un anno giusto o si potrà concludere a fine anno?

      • Davide Davide

        Bachelorette, nel mio caso ( famigliacompresa) é da tre anni che dura! ….ho l’impressione che sia una catena e che se interrotta si ritorce contro!…. non so…ma questa è la mia conclusione…. Perchè non creiamo una pagina facebook in merito? Per vedere di raccogliere più “filipponiani” possibili e sconfiggerne la sfiga! 🙂

  8. Giovanna Giovanna

    Stessa cosa, ricevuta a metà dicembre……. sinceramente i commenti letti sopra cominciano a spaventarmi……. ricevuto il 21/ 12/ 2016, precisamente, timbro quasi illeggibile

    • Ciao Giovanna, scusa. Il tuo commento s’era perso tra quelli da approvare. E quindi? Tu cosa hai pensato? Anche tu ti sei chiesta chi era, vero? Anche tu hai cercato su internet.

  9. anch’io l’ho ricevuta… ma vorrei dire che le sue parole mi hanno molto rallegrata. Poiché mi ha fatto incuriosire su questo libro di Pironti, ho visto questo sito. Già solo per il motivo di avermi scelta, gli invierò il libro desiderato.

Rispondi

Scroll Up
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: