Skip to content

And you are free, you are free again

L’altro giorno mi è capitato di sentire una persona parlare e dire quanto segue:
Chi è concentrato solo sul passato è un depresso,
chi è concentrato solo sul presente è un ossessivo,
chi è concentrato solo sul futuro è un paranoico.

Ultimamente è una cosa che noto molto. Devo essermici fissata. Ovviamente già il fatto di riconoscere il problema, cioè la fissazione, dovrebbe portarmi a risolvere il problema.
Ma questa è un’altra storia.
Volevo dire che da qualche mese noto la depressione delle persone che ho intorno e non la sopporto. Anche il fatto di riconoscere la mia intolleranza, dovrebbe portarmi a risolvere il problema e diventare più temperante, ok, ché la temperanza è proprio una bella qualità.
Sono sicura ad ogni modo di essere nel pieno della mia curva verso l’infinito e oltre. Come sento parlare di passato faccio una smorfia interiore. Il passato lo ascolto solo e con passione su Rai Storia e lo leggo volentieri nei libri, perché se non sai la storia non puoi capire le cose e te stesso, ma sinceramente ricordare i momenti felici o infelici o quello che potevano essere vissuti insieme, mi annoia dopo un po’.

Il professore che parlava ha poi aggiunto anche altro. Non discuteva di psicologia o filosofia, ma di cose ben più terrene. Oggi parlano tutti di innovazione. Ho letto un articolo su un quotidiano in cui l’autore ci ricordava come fino a qualche anno fa si parlava di progresso e non di innovazione. Perché il progresso ha in sé il concetto di miglioramento, che è molto diverso dall’aver trovato una cosa nuova. Così ho deciso di usare questa parola: progresso.

Mi è anche capitato infine in questi giorni di parlare con un qualche persona che mi ha intrattenuto a lungo a parlare di cose passate avvenute tra noi.
Io oggi sono un 20% passato, un 35%presente e un 45% futuro.
Non so se sono un’ottimista, nel senso che quelle che hanno sempre il sorriso sul viso mi paiono un po’ cretine, ma vedo davanti un mondo di possibilità e cose che vorrei vivere e fare, persone che vorrei conoscere ( quelle un po’ meno ma si suppone, statisticamente, che ci siano ).

Sta per arrivare la primavera! Oggi piove, ma i prati sono verde brillante e le giornate lunghe e luminose!

Soundtrack: Mark Lanegan Band – Phantasmagoria Blues

44 Comments

  1. Faccio il pigro, oggi che è sabato e la radio va in automatico, mi alzo ora dal letto e vado di primo (e unico) caffè macchiato. Non riesco a fare percentuali su di me ma la tua mi convince abbastanza, posso copiare come in un compito in classe?
    Mi fa sorridere una cosa: “vedo davanti… cose che vorrei vivere e fare, persone che vorrei conoscere”. Hai un invito, già sai. Non ti distrarre :))

    • Bachelorette Bachelorette

      Mannaggia, ho un invito bellissimo, sì! Goditi il sabato in relax. Io adesso mi accingo ad andare a pranzo in un ristorante che Fa dice essere delizioso e pluripremiato… pappa!!! Non vedo l’ora :o)

      • Uhhh, consiglia il ristorante che sono curioso (scrivilo tipo su un muro o mandami un piccione viaggiatore, così resta anonimo). Buona pappa! Non ti scordaaaar di me….. (scanzonato io :D)

        • Bachelorette Bachelorette

          Devo pensare al modo…. ci ragiono un po’ su… magari metto una foto sulla nostra pagina facebook.

          • Va bene, sappi che se guardi bene sul mio blog non avrai segreti sul modo 🙂

            • Bachelorette Bachelorette

              Ok….

              • scorci di radio… quella radio. Oggi ho fatto quattro chiacchiere con le antenne…

                notte.

                • Bachelorette Bachelorette

                  Che figo!! 🙂

                • Buongiorno 🙂

                • Bachelorette Bachelorette

                  Buongiorno! 🙂

    • Bachelorette Bachelorette

      🙂

  2. roceresale roceresale

    Un Lanegan che mi termina l’equilibrio della tua invidiabile percentuale. In una cosa hai gran ragione, che quando misuri attaccamenti a passato e presente e futuro, la depresione degli altri ti si appiccica addosso di più e impari strategie nuove.

    • Bachelorette Bachelorette

      Ciao! Oggi m’è presa con Lanegan e sono qui al secondo caffè con tutto l’album che gira su youtube. Mi fa sempre sorridere chi crea album spettacolari e ci mette dentro un “Funeral”… tipo Lanegan, appunto o gli Arcade Fire!
      L’appicicaticcio da depresso io lo rifuggo come il grasso della frittura che ti si attacca alla cappa della cucina.

      • roceresale roceresale

        Prima di imparare a farlo, ho dovuto rifuggire il mio di grasso, non corporeo. Lanegan dal vivo è deludentissimo. Non c’entra una cippa ma se sei al secondo caffé puoi saperlo. 😉

        • Bachelorette Bachelorette

          Noooo, maddai. Mai visto dal vivo, ma buono a sapersi. Grazie! ( secondo caffellatte…hi hi hi )

  3. E io che percentuali dovrei avere? Percentuali di che?
    Poco tempo fa sono andata dal ginecologo e pensavo… Da ‘sto stronzo a 250 euro a botta (per mostrargliela…) in un passato remoto ci venivo per non avere figli, ci sono andata in seguito per avere figli, ora ci vado perché tra poco non ne avrò più di figli.
    Io sono la prima a vedere la prima gemma di primavera. Io spesso sono triste. Ieri alle 17.49 era ancora chiarissimo. Io sono sempre più intollerante, ma il secondo dopo giustifico e comprendo e accetto tutto.
    Non capisco perché scrivo questi commenti del cavolo, ogni volta, qua da te. Abbi pazienza.

    • Bachelorette Bachelorette

      Magari perché qui ti senti libera di farlo. Magari perché il divano bianco è comodo. Queste cose, i tuoi commenti, non interessano minimamente ( minimamente ) la mia pazienza, stimolano semmai la mia riflessione, che è cosa piacevole.
      Quanto al ginecologo, per quella cifra, trovatene uno che almeno ti piaccia molto 🙂
      E poi con quel baffo lì, come puoi essere spesso triste? :o) Un bacio e passa tutto.

  4. Chi è concentrato solo sul passato è un depresso,
    chi è concentrato solo sul presente è un ossessivo,
    chi è concentrato solo sul futuro è un paranoico.

    Chi è concentrato solo sull’appiccicare etichette al prossimo è un deficiente. Diglielo, al prof, la prossima volta che lo incontri.

    • Bachelorette Bachelorette

      Non penso che lo farò perchè non mi pare che sia uno che affibbia etichette e trovo la sua sintesi anche piuttosto calzante e sprono per una riflessione. Tu invece mi sembri piuttosto acida. C’è qualcosa forse che ti ha offeso per reagire così?

      • Beh, hai riportato tre sue frasi e sono tre etichette. Lapidarie. Di condanna. Senza misericordia. Qualcosa che mi ha offeso? Sì: l’imbecillità di chi appiccica etichette.

        • Bachelorette Bachelorette

          Barbara, é un post, non un trattato filosofico. Parte da un punto, da una frase, per farci qualche riflessione su. La frase per altro non dice che chi in generale pensa al passato é un depresso, ma che chi ci si concentra su, lo é. E questo é proprio un teorema, non ci vuole un genio a capirlo e non é affibbiare un’etichetta senza motivazione. Dove sta la differenza tra aggettivo ed etichetta?

  5. Ma che poi oggi è una gran moda lo star male: una sorta di capitalizzazione dei concetti storici del male di vivere e del vuoto della società di massa.

  6. Mi sa che oggi c’è presa la vena intimistica un pò a tutti, che sia l’arrivo della primavera?, l’età che avanza? la carbonara a pranzo?…nel mio caso, come direbbe Quelo…”la seconda che hai detto”.

    • Bachelorette Bachelorette

      Io sto bene sinceramente. Ti parevano malinconica? Ho pure mangiato abbondantemente a pranzo 🙂 e pare che ci sia vita nell’universo (é sabato sera!) !

      • Non mi parevi malinconica, solo riflessiva (che va benissimo)…già…è sabato sera!!! Sai per caso chi gioca il posticipo???

        • Bachelorette Bachelorette

          No, ma se vuoi possiamo scommettere su chi é l’assassino nella puntata di Poirot ora in onda! 🙂

          • Ahahah…siamo messi bene….se mi vedete guardare “le frontiere dello spirito”…abbattetemi.

            • Bachelorette Bachelorette

              In freezer?

                • Bachelorette Bachelorette

                  Manna..ggia. Non ce l’ho. Facciamo che tu non guardi niente che ti possa traviare e io non chiedo a papà dove ha messo la cassetta degli attrezzi, dai.

                • Bachelorette Bachelorette

                  Non farti prendere troppo la mano. Un’oretta secondo me basta e avanza.

                • Bachelorette Bachelorette

                  Ah ah ah!! Senza mani!!! :))

                • Esatto…l’unico inconveniente è che dovrò premere il tasto “play” usando il…naso 🙂

  7. Io non sono un’ottimista (anche perché l’ultimo che ha detto “l’ottimismo è il profumo della vita” non ha fatto una gran fine) ma ammetto che le giornate che si allungano hanno un’effetto benefico sul sottoscritto. Anziché vedere un classico 52% passato, 38% di presente e quel misero 10% di futuro, metto qualcosa di più sul presente raschiando dal passato. Che poi, detta fra me e te, sono le due uniche cose certe. Per questo, ma forse è un rincorrersi d’idee, mi è sempre rimasta particolarmente impressa una strofa di una canzone: “non è strano, che nel momento stesso in cui nasci… incominci a morire?”

    ps: scusa le manciate di ottimismo che ho gettato. Passo e chiudo! 🙂

    • Bachelorette Bachelorette

      Va meglio stamattina?

      • Ok, meglio che smetto di ascoltarmi musica depressiva 😀 mi fa fare trip strani 😉

  8. E chi non è concentrato?

    • Bachelorette Bachelorette

      …. io adesso vorrei non esserlo. Il lunedì mattina non deve mai iniziare con gente ignorante che ti aggredisce…. me ne tornerei a letto.

  9. Mi sento 100% passato e non credo sia per niente positivo, non so cosa possa significare, so solo che non si vive bene ma, come hai detto tu, il primo passo è riconoscere il problema e tentare di migliorarsi, no? 🙂

    Meg.

    • Bachelorette Bachelorette

      Giusto! 🙂

  10. Una curva verso l’infinito e oltre, tendente all’ottimismo!

Rispondi

Scroll Up
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: