Skip to content

Il contesto: pain perdu

Lei è una persona coerente, integra (rigida) e votata al one&only e conosce lui, che le piace molto ed è tuttavia impegnato con promesse fatte ad un’altra donna.
Il circolo virtuoso si manifesta quando lei ne è maggiormente attratta perché lui, benché straziato nella scelta, si conferma fedele a non tradire la sua compagna prima di una decisione ultima.
Ogni volta che invece lui, nonostante sia compromesso, la chiama Amore Mio e la invita a sognare fughe romantiche, lei lo schifa, ricordando che non desidera affatto un uomo così.

Cit: “…ma, quando qualcosa manca Dio provvede, una lettera … arrivò tempestivamente a fornire una preziosa indicazione…” (da pg. 32, Il Contesto, Leonardo Sciascia).

E siccome la domenica ci vuole comunque un po’ di dolcezza….
French Toast: 

1 uovo
250 gr. di latte (un bicchiere e un po’)
1 cucchiaio di zucchero
4 fette di pane in cassetta
1 cucchiaio di burro

Per preparare il pain perdu mescola in un piatto l’uovo, il latte e lo zucchero con l’aiuto di una frusta. Immergi le fette di pane nel composto e lasciale in ammollo da entrambi i lati. Scalda il burro su una fiamma media in una padella grande. Aggiungi le fette e cuocile per due o tre minuti, o finché non diventano dorate, da entrambi i lati. Puoi cospargerle poi con zucchero e cannella (come ho fatto io) o accompagnarle con una composta di ciliegie o pancetta e sciroppo d’acero.

Soundtrack (già nella colonna sonora di Hellboy): Autunno –  AntonioVivaldi 

20 Comments

  1. ckf ckf

    Arriva natale allenati con le zeppole!

    • Da noi le zeppole non sono natalizie ma si fanno per la festa di S. Giuseppe.
      Per Natale ci si da dentro con Cartellate e Strufoli!

      • sono altre zeppole, le nostre hanno forma di ciambella incrociata e allungata e si fanno fritte (non sono bigné alla crema)

        • Interessante, mi devo informare.. da come le hai descritte sembrano deliziose 🙂

    • rO rO

      Hai ragione!! Grazie ancora anche alla mamma!

  2. Lei da un certo punto di vista è una gran donna; dal mio punto di vista potrebbe anche togliersi quel manico di scopa. Per quel che riguarda lui invece avrei un’idea sull’utilizzo di quel famoso manico di scopa.

    • rO rO

      Ah ah ah!! Ti adoro!

  3. Un grossissimo mi piace al “pain perdu” (che nome romantico, io lo conosco come “pane fritto”!), per me è come la famosa “madeleine”…un po’ meno la storia della premessa, tipicamente foriera di dolori e devastazioni… 😉

    • rO rO

      Pan perdu stava bene nel contesto. E come dice Menteminima, la signora in questione ha la tendenza allo snobismo! 🙂
      Trattasi effettivamente di pane fritto.

  4. Meglio consolarsi con il pain perdu, dolce e saporito che osservare le schermaglie amorose del trio lei, lui e l’altra.

  5. Non riesco a capire dove sia la fedeltà di lui in tutto ciò.

  6. Ma se uso lo zucchero di canna grezzo e il pane integrale, l’effetto è lo stesso?
    E se al posto del latte vaccino utilizzo quello di capra o, meglio, il surrogato di soia, cambia qualcosa?
    Insomma, quanti e quali sono i margini per la personalizzazione della ricetta?

    Lascio tutto com’è?

    Insicuro69

    • rO rO

      Caro Insucuro69,
      Il mio suggerimento è quello di recarti al sabato dalla tua fidanzata, trascorrere con lei un’amabile serata, quindi trovarti casualmente a pernottare da lei. Al mattino quindi potresti chiedere al tuo amore di prepararti una ricca colazione, che tu smaltirai accompagnandola a fare una lunga passeggiata in quel posto che le piace tanto.
      Zia Ro.

    • rO rO

      Sei gentile, veramente, ma non ce la posso fare. Voglio dire, prima dovrei mettermi d’accordo con i coautori del blog… è martedì e piove, e qui fa anche caldissmo… Ti offro una birra alla prima occasione? Dai.

  7. Grazie per la ricetta! Cercherò di rendere questo diritto

    • rO rO

      Prego! Sono sicura che il piatto ti verrà benissimo. Ciao!

Rispondi

Scroll Up
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: