Skip to content

L’affidabilità nel 2014

Trafelata, sudata, metaforicamente in punta sul sedile dell’auto e aggrappata al volante, ho fatto le corse per essere dall’altra parte della città alle 13.15.
Quando sono arrivata mi sono accomodata nella sala d’attesa e il tempo passava, trascorreva, andava avanti.
Infischiandosene della mia pausa pranzo e ignorando la corsa che avevo fatto, mi era stato chiesto di attendere.
Al ventisettesimo minuto usciva del fumo dal mio naso come Grisù. Il ventisettesimo minuto corrispondeva alle 13.42, cioè sufficientemente tardi perché il lavoro potesse essere svolto nei termini previsti e concessi dalla mia pausa.
Mi sono alzata, ho sbattuto i tacchi e ops, magia, è comparsa l’igienista dentale. E io l’ho insultata dandole del lei e me ne sono andata.

Sulla strada del rientro verso l’ufficio ho preso un cono al cioccolato e nocciola; la gelataia mi ha chiesto se volevo anche della panna montata e le ho risposto di sì. Quindi mi sono seduta sulla panchina in plastica bianca fuori dalla gelateria, all’ombra degli alberi, mangiando il gelato e guardando le auto passare.

Sto meglio. Fanculo l’igienista grassona.

Essere affidabili è un concetto di nicchia in Italia, di grande nicchia.
Nel mio inveire contro la giovane femmina in camicie blu e mascherina le facevo presente che si presume che lei sia una professionista, che lo sono anche io e che il mio tempo è prezioso. Per altro, a prescindere dalla professionalità, il tempo degli altri dovrebbe essere un valore e andrebbe rispettato. La sua replica è stata un farfuglio, accompagnato da gesti simili a quellio di Ollio quando gioca con il suo cravattino, dal quale ho ricavato che riteneva di non essere stata messa a conoscenza dalla segretaria dell’orario preciso dell’appuntamento, salvo poi dirmi l’esatto orario mentre parlava. Ha aggiunto infine che s’era verificato un malaugurato precedente imprevisto il quale nella mia mente si configura come lo scoprire che i ferri del mestriere non sono stati sterilizzati o il filo interdentale s’è spezzato tra i denti del precedente paziente.

La capacità di rispettare le promesse, fossero anche quelle di inviare un email quando dici che lo farai, di confermare le specifiche richieste previste in un determinato rapporto nel tempo, nel nostro Paese non esiste. Anche una semplice questione nella meravigliosa terra degli artisti, naviganti e poeti non è soggetta a misurabilità nel tempo e questo accade perchè le regole non vengono mai rispettate e ogni scusa salva l’uomo. Affidabilità e il rispetto sono l’eccezione al punto da soprenderci quando si verificano.

L’affidabilità dovrebbe invece essere parte dei valori con cui crescere un popolo: non buttare le carte per terra e se ti dici capace a fare una cosa, che sia quanto detto. Invece niecht, nada, nothing. Quando ci penso vedo l’Italia come il Regno delle Due Sicilie, tutta l’Italia, anche la Lombardia.

La questione affidabilità si applica ai rapporti di coppia come a quelli di lavoro e capita anche tra amici.
Chi non completa un lavoro in tempo si insigne persino del trofeo dell’artista, flessibile e rilassato: l’inaffidabilità diventa un valore, perchè siamo in un’epoca storica dove è bello e buono tutto e il contrario di tutto.
Il mondo oggi è talmente grande e globalizzato che per ogni cretino che proclamerà una nuova ideologia, ci saranno seguaci: perchè chi può affermare che sia o meno un cretino? Pare che il giudizio dipenda dal voto, dal numero dei like, dai cenni di approvazione e si comprano anche i like ovviamente. Federico Moccia è uno scrittore?

Certo, ciò accade in Italia, perchè un po’ più a nord o in qualche altro continente ragionano diversamente su questa questione.
Così talvolta cambi meccanico, talvota divorzi.

Ma torniamo al dentista e al mio gelato.
Sogno con grandissimo desiderio un’isola di affidabilità, integrità morale e gelateria di fiducia: così spiego a me stessa (e anche a chi non capisce talvolta) la mia vita e le mie scelte.

Ricetta per il gelato alla pesca.

Ingredienti: 300 ml di panna fresca, 300 ml di latte intero, 250 g di pesche già pulite, succo di mezzo limone, 100 g di zucchero

Preparazione: La sera prima di fare il gelato mettete nel freezer un tegame in acciaio. Montate la panna fredda e mettetela in frigo. Frullate le pesche con lo zucchero e il succo di limone. Prendete il tegame dal freezer e versate il latte con la panna e la frutta frullata e mescolate delicatamente fino a creare un composto omogeneo. Ponete nel freezer il tegame e ogni 30 minuti per circa 6 volte mescolate il gelato per rompere i cristalli di ghiaccio che si verranno a formare. Quando risulterà compatto e cremoso nello stesso tempo il gelato sarà pronto.

La foto l’ho presa da internet.

Soundtrack: Air – Playgroung Love (from The Virgin Suicides)

24 Comments

  1. Ormai anche la puntualità e serietà sembra diventata un optional.
    E alla domanda se si vuole panna sul gelato è obbligatorio rispondere si. Sempre 😉

    • rO rO

      La penso come te! 🙂

      • 🙂 la golosità è tutto bella vita

  2. e qui il mio lato svizzero non può che fare le capriole d’approvazione! il lato sardo invece va a farsi un piatto di gnocchetti al pomodoro, altroché gelato!

    • rO rO

      Gli gnocchetti al pomodoro non li mangio da parecchio. Mi sei decisamente di ispirazione. Grazie!

    • rO rO

      Non posso guardare il tuo blog con troppa insistenza perchè inizio poi a non pensare ad altro che alle ricette che proponi!

      • beh, su, alcune sono perfino dietetiche. Comunque i foodblog sono una cosa a parte, creano dipendenza e non se ne esce più, capisco 🙂

  3. In tutto e per tutto sono con te!
    Un bacio grande e fresco fresco! :*

    • rO rO

      Sei forte, come sempre! Baci e pizza anche a te!

  4. aleguidi aleguidi

    Grandeee storia!
    Bellissimo il passaggio dal tema della “inaffidabilità” male storico del nostro tempo alla ricetta del gelato alla pesca.

    Per essere affidabili come hai detto bene serve integrità morale.
    E…l’integrità morale è cosa faticosa.
    Anche facendo un buon gelato puoi fare un cosa BUONA!
    😉

    • rO rO

      Pensavo di provare a farlo in casa in uno dei prossimi giorni. Sarà divertente e spero gustoso.
      Ciao!

  5. federico moccia lo disegnano così. il probelma non è suo, ma è di chi poi lo crede, popolo di caproni che siamo.

      • rO rO

        M’è uscito in fretta. 🙂

    • rO rO

      “Tre metri sopra il cielo” l’ho comprato, l’ho letto, ho sbuffato per come è scritto e ho imparato diverse cose.
      Ritengo che Federico Moccia e il suo editore abbiano bruciato una bella storia scrivendola con un italiano pessimo e ho imparato che certi libri non mi interessano più.
      Mi fa venire in mente che Vale ha comprato e letto tutta la trilogia delle Sfumature di Grigio e io, dopo Moccia, certe cose ormai le evito.

      Il punto secondo me è che, a titolo sempre di esempio, i libri di Moccia li puoi comprare ma altro è dire che lui è uno scrittore.

      • sì certo, ci mancherebbe. è che poi quando vedi che i libri di moccia e quelli delle sfumature sono il libri più venduti in itlaia, un po’ di tristezza, ecco, come dire… 🙄

        • rO rO

          Concordo.

  6. Al di là del fatto che hai saltato la pausa pranzo, il rispetto degli orari e la puntualità negli incontri non sono optional ma il giusto rispetto verso gli altri. Se fisso un incontro faccio in modo di esserci due minuti prima che due dopo. Puntualità e rispetto vanno a bracetto.
    Per il gelato alla pesca va tutto bene, peccato che non ci hai mostrato i risultati pratici.

    • rO rO

      Mi dispiace. Ero talmente concentrata a gustarmi il gelato che non ho pensato ad altro che a godermi il momento.

  7. Parole sante, e complimenti per la reazione… io poi capisco benissimo la situazione, essendo un romano atipico con la fissa della puntualità… il che a Roma equivale (quasi) a passare per fessi, perché se ci si dà un appuntamento alle 10.00, poi se sono le 10.15, .20, o .30… beh è uguale (e non consideriamo chi fa tardi apposta per ‘darsi un tono’, o semplicemente per non aspettare); l’immagine di te che ti mangi beata il gelato all’ombra delle fronde è alquanto idilliaca… 🙂

    • rO rO

      :)) il gelato è idilliaco in sé.

  8. Bia Bia

    Hai ragionissima!!! Anche io mi incavolo a morte per dei ritardi, soprattutto se ingiustificati. Ma anche quelli giustificati, eccheccavolo, il loro tempo vale tanto quanto il mio! E io ne ho pocoooooooo!!!!!!!!!!!! Sgrunt.

    • rO rO

      Sgrunt! 🙂

Rispondi

Scroll Up
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: