Skip to content

A.A.A. cercasi

A.A.A. cercasi famiglia molto numerosa, eventualmente comprensiva di nonna inferma a letto, gatti, bambini e vicini di casa imbucati, per ospitarmi la sera della vigilia di Natale. Offresi sorriso, piatto di struffoli fatti con la ricetta di nonna e disponibilità a cucinare. Astenersi perditempo e munu a base di carne.

Ormai da anni la famiglia moderna di Ro ha deciso che la tradizione natalizia non prevede il cenone della vigilia di Natale. Le motivazioni addotte sono le seguenti:
– lavoriamo tutto l’anno e siamo stanchi;
– non è tradizione locale (?);
– se vuoi fallo tu.
Sul “se vuoi fallo tu” effettivamente mi rassegno. Non che non possa farlo, casa mia è dotata per altro tutto l’anno di un rametto di vischio legato al faretto vicino alla porta d’entrata, ma la mia famiglia mangia poco, tranne mio padre che è l’unico che non dovrebbe eccedere con il cibo, inoltre arriva tardi e va via presto e sinceramente di cucinare per averne poca soddisfazione mi lascia perplessa.
Andrebbero educati.
Quindi da qualche anno la vigilia di Natale la passo sul divano a guardare il mio albero e senza un gamberone o un’ostrichetta sotto i denti, ma soprattutto senza festosa confusione intorno.

L’ultima notizia del Natale 2013 è che non devo comprare dei regali di Natale. Le motivazioni addotte sono le seguenti:
– non fare regali perché “lei” non li fa a nessuno quest’anno;
– abbiamo già speso tanto;
– non abbiamo bisogno di niente.
Ecco, io mi rifiuto. Merdacce di gente! Ok, ritiro il termine perché è la mia famiglia.
Che loro facciano quello che si sentono che io al Natale ci tengo, ci tengo alla tradizione, mi piace pensare almeno un paio di volte a loro e mi piace pure ricevere i regali, manifestazione di attenzione per me.
Poi ci si chiede perché la ggente si imbruttisce!

Quindi domani mattina la si passa a fare gli struffoli, noto dolce di tradizioni antichissime, come si sa, che io rispetterò utilizzando la ricetta della nonna, passatami anni fa da zia e che custodisco gelosamente nel cassetto della scrivania al pari di mio padre con la ricetta del ragù che per almeno vent’anni è stata riposta nel suo comodino sotto i calzini e i fazzoletti di stoffa.

Ricetta della nonna per gli struffoli
Dosi per un piatto grande da portata.
– 400 gr. di farina 00
– 4 uova intere
– 100 gr di zucchero
– 50 gr di burro
– un po’ di sale
– un po’ di scorza di limone/arancia
– un po’ di liquore ( anice )
– una bustina di zucchero vanigliato
– un pizzico di bicarbonato
– 250 gr. di miele
– un goccio d’acqua
– canditi e confettini colorati
– olio di semi
– 4 o 5 cucchiai di zucchero per caramellare gli struffoli.

Procedimento:
Amalgamare il composto. Far riposare in frigorifero. Fare delle palline come se fossero dei piccoli gnocchi. Friggere in olio di semi finché non sono dorate. Scolare.
In una pentola far sciogliere 4 o 5 cucchiai di zucchero e quindi versare gli struffoli al fine di caramellarli. Versare il miele. Girare. Aggiungere i canditi.
Impiattare e cospargere di confettini.

Struffoli del 2012

70 Comments

  1. perchè verso il Natale diventiamo tutti più tristi??

    • ro ro

      Non sono triste, sono vagamente indisposta. Non sono neanche di mal umore, ad essere sincera.
      Suppongo che si tirino le somme verso fine anno e comunque non essere la domenica al mare, in costume da bagno, con il cielo blu intenso davanti, ma invece essere a casa, con tanta nebbia e umido fuori e un giramento cervicale che non ti spieghi e che ti sta intorpidendo anche le labbra… ecco… magari non aiuta! 😀
      Fede!! Che invidia che mi fai!! Pensa, il tuo primo Natale a St. Martin!!

      • davvero! Mi sembra incredibile, ti giuro che non me ne capacito del tutto…è Ferragosto! Non Natale…
        La malmostaggine da cattivo tempo è più che comprensibile, ma cerca di passare buone feste e riposarti tanto 🙂

  2. Hai ragione!!!! Ma proprio ragione!! Io amo la tradizione e adoro gli struffoli, la tavola decorata, i bambini che ridono forte, l’intimità delle bocche che mangiano, le sintesi di un anno che si raccontano, la faccia di mio padre che nonostante tutto sorride quando finalmente ci riuniamo, le mani di mia sorella che cucinano anche se non sono quelle di mia madre, farsi gli auguri a mezzanotte della vigilia e sapere che siamo fortunati ad esserci noi-anche senza di lei- perché ora ci sono i bambini che ci ricordano la Vita
    Hai ragione…

    • ro ro

      Esattamente quella situazione lì!! Proprio quella!

  3. Da me funziona così: Vigilia si cena fuori; Natale tutti a casa mia … ; regali solo ai bambini (il più piccolo ha 17 anni) noi grandi fingiamo di essere buoni e facciamo una donazione. Devo ancora preparare l’albero, sopporto sempre meno il Natale, forse perché devo cuocere per dieci … sempre meno.

    • ro ro

      Ecco, anche l’idea della Vigilia fuori potrebbe non essere male in fondo. Il mio ideale sarebbe Vigilia da uno e pranzo da un altro, ma l’importante poi sarebbe star insieme. Capisco l’impegno a cucinare sempre tu. Ci vorrebbe un po’ di alternanza…

  4. odio perdere le tradizioni… ma sembra che a nessuno della mia famiglia interessano molto… fa niente io il Natale lo faccio a modo mio…
    grazie per la ricetta degli strufoli che ho perso e questa mattina ho ritrovato qui..
    buon Natale con simpatia
    Franca

    • ro ro

      Ciao Franca! Mi fa piacere che ti possa servire la mia ricetta. Ah, zia poi negli anni mi ha detto che lei ogni tanto, a dispetto di nonna, se vuole farli venire un po’ più morbidi, ci aggiunge un pizzichino di lievito. Così che tu sappia che con la ricetta di mia nonna sono un po’ croccanti e per questo non devi farli dorare troppo quando li friggi. Buon Natale!

  5. Vuoi venire da noi? Solo se prometti di cuccarti la #pg però. Che con te, essendo una persona che non è né figlia né nuora né nipote sarà assolutamente amabile e spiritosa. Gli altri fanno più o meno finta di essere contenti di vedersi, ma solo perché accade una volta l’anno. Questo il 24, coi parenti miei. Il 25 si replica con gli altri. Appena meno teso.

    • ro ro

      Sei carinissimo! E’ che poi la mattina dopo dovrei e vorrei comunque essere con i miei. Mi piacerebbe però vedere come si svolge la festa a casa tua! Chissà che aspetto ha la #pg! 🙂

      • Oh ne rimarresti incantata… è come Dart Vader, il lato oscuro della forza lo mostra solo a noi figli! 😀 😀 😀

        • ro ro

          Ah ah ah !!! Ma veste anche di nero con tanto di casco? 😀

          • Ecco, mi hai dato un’idea per un regalo! 😀

            • ro ro

              Poi mandaci una foto mentre lo indossa!! Geniale!

  6. Hai rivelato la ricetta degli struffoli? Ho capito che è Natale, ma tu sei pazza, pazza ti dico!!!

    Comunque, mi hai fatto venire in mente un aneddoto:
    Ad una conoscente (forse una nostra lontana parente) venne chiesta la ricetta delle zeppole cotte, la ricetta venne fornita, ma come si fa con le ricette, un ingrediente venne dato volutamente sbagliato (per non farle venire identiche). Al posto del lievito venne segnato il bicarbonato, la cosa divertente è che le zeppole della conoscente esplosero tutte durante al cottura.

    Ora non vorrei che tu avessi dato la ricetta di mini-bombe non solo caloriche, ecco.

    Per quanto riguarda Natale, noi quest’anno non lo festeggiamo, perché stiamo a lutto ancor prima che il lutto (Dio voglia che non accada mai) si manifesti. C’abbiamo problemi che non specifico. Comunque, la tradizione da noi è che non si fanno cenoni ma pranzoni, che mangiare la sera ci rovina, che c’abbiamo la digestione delicata noi (“noi” andrebbe sostituita con “uomo multiplo”).

    Quest’anno mi hai colto impreparato, ma l’anno prossimo vedo di procurarmi una famiglia posticcia e ti facciamo fare l’ospite d’onore (come in “una famiglia perfetta”).

    Buone feste

    • ro ro

      Ma grazie!! Grazie del racconto e degli auguri!
      La ricetta che ho riportato è veramente quella di nonna ma…. una ricetta delle zeppole mi piacerebbe molto!! Le zeppole sono un dolce che adoro, mi piacciono tantissimo e a casa mia non si fanno.
      Ora che so il trucco dell’ingrediente scambiato, non è che daresti la tua ricetta anche a me?

      • La ricetta è di mamma, gliela chiedo. Ma non sto parlando delle zeppole napoletane…poi ti mando una mail

        • ro ro

          Oh.., di quelle sono ghiotta io!! Grazie comunque :DD

  7. Se vuoi ti ospitiamo, certo, non ho la nonna sulla sedia a rotelle, ma pur di averti con noi sarei disposto a rompere un femore a mia suocera. Che faccio, procedo?

    • ro ro

      AH AH AH !!! Mi hai fatto ridere un sacco con questa pazza idea 😀
      Grazie per la proposta e seriamente temo che non potrei accettare perché poi mi sentirei la vecchia sulla coscienza ( perché è vecchia, vero? ).
      Ho una curiosità però da togliermi: da te si fa il caciucco o qualcosa del genere alla cena della Vigilia?

      • Ma stai scherzando???? Certo che si fa il cacciucco !!! Poi di solito avanza e ci si fa colazione anche la mattina dopo. (Mi rendo conto che quando parlo di queste cosa mi lascio prendere e la grammatica lascia il post al dialetto).
        Si comunque è vecchia…oddio, diciamo molto matura…sulla settantina abbondante…
        Insomma dai, aggiungo un posto a tavola, che c’è un amico/a in più?
        Oh, ti confesso una cosa (tanto ormai questo commento è andato lungo)…non vi ho ancora inquedrato, cioè non so mai se a parlare è il “lui” o la “lei”…o se è qualcun altro…roba da non dormirci la notte.

        • ro ro

          Immagino che dipenda dalla visualizzazione dei post. La persona che scrive ora è donna. Sopra i post dovrebbe comparire sempre il nome di chi scrive. Il maschio, su questo blog, è Fa, caratterizzato da una certa barba sul viso e mancanza di seno.
          Comunque comprendo il caciucco anche a colazione, specie se la colazione è tardi, ci può stare. Magari, ecco, da evitare se poi vai a fare snowboard ….

  8. Hai raguione Ro. Le tradizioni del Natale non bisognerebbe perderle.
    🙂

    • ro ro

      🙂

    • ro ro

      :)))

  9. margaret collina margaret collina

    Molto vero! ho scritto proprio un racconto su questo, se vuoi vieni a leggerlo.
    Però ti lascio tanti affettuosi auguri da una “senzafamiglia” più o meno come te

    • ro ro

      Me lo vengo a leggere di sicuro, ché sono curiosa. Buon Natale!

  10. Scribacchina Scribacchina

    Io come ogni anno farò cinquanta regali e ne riceverò due (se mi va bene). Che poi non è che mi interessi ricevere regali in sé: mi interessa sapere che qualcuno si è preso la briga di pensare a me per quei dieci minuti che servono per fare un regalo. E così mi piacerebbe che venissero considerati i miei regali da chi li riceve.

    La ricetta degli struffoli è un regalo bellissimo: grazie! Non li ho mai fatti… se arrivo a domani sera in condizioni umane quasi quasi ci provo 🙂

    • ro ro

      E tu cosa cucini? Fai la cassata?

      • Scribacchina Scribacchina

        Peggio… domani credo di riuscire a postare qualche dettaglio dell’opera 😛

  11. manuelavitulli manuelavitulli

    questi nel Salento li chiamano Porcidduzzi e sono buonissimissimi *.*

    • ro ro

      E sì, sono veramente buonissimi!! Da leccarsi baffi e mani!!

  12. katinkawonka katinkawonka

    Devo ammettere che quest’anno sono più entusiasta dei festeggiamenti fra amici che di quelli fra familiari… mi appaiono infatti piuttosto inconsistenti (con i parenti le relazioni sono sporadiche e manchiamo di condividere anche le tappe esistenziali più importanti).
    Tuttavia leggendo il tuo post sento di dovermi ricredere: anche se a un livello estremamente leggero è importante impegnarsi a coltivare le relazioni familiari con cene, doni e pensieri, anche se legati a un periodo dell’anno circoscritto.
    è un segno di forza, di volontà positiva, il tuo.

    ps struffoli: quest’anno li ho preparati con un’amica di Benevento, da toscana non li conoscevo… sono buonissimi!

    • ro ro

      Mi pare che dal tuo commento già emerga un po’ di voglia di sentire i tuoi. Le feste sono lunghe e magari troverai il tempo. Poi deve essere un piacere, no? Buon Natale!!

  13. katinkawonka katinkawonka

    sì via… un pochino! grazie 🙂
    Buon Natale!

  14. Soul Soul

    Guardando la foto degli struffoli mi hai riportato indietro nel tempo,quanto li fanno saporiti a Napoli dico Napoli perchè l’ho mangiati solo li ora saranno anni che non li provo.
    Peccato che non posso assaggiarli i tuoi ma dalla foto sono sicuro che sono boni 🙂
    I miei migliori saluti.

    Soul.

    • ro ro

      Virtualmente domani li faccio anche per te! 😉

      • Soul Soul

        Grazie e buon tutto! 🙂

  15. Io? Io forse quest’anno apparterrò alla categoria delle ‘merdacce’… 🙂 Non è che non ci abbia provato ma, come dire, alla fine alzi bandiera bianca… siamo in tre: io, mio padre, mia madre… si passa tutto l’anno a litigare, perché ognuno ha le sue insoddisfazioni e frustrazioni e le scarica sul prossimo… e a Natale arriva ‘sta farsa dei regali… e uno si chiede a che serva. Certo ognuno ha le sue, ma quest’anno proprio, di regali non mi va di riceverne, né di farne… ti ammiro perché tu nonostante tutto conservi lo spirito e domani ti metterai di buona lena a fare gli struffoli… Io quest’anno, oltre all’allestimento di un presepe piuttosto precario non sono andato: a inizio dicembre lo ‘spirito’ c’era, ma adesso… vabbé, ti avanzassero dù struffoli… 🙂

    • ro ro

      O Cri, succede, dai, messa così ti capisco. Io non vivo con i miei da parecchio e anche se ci sentiamo spesso stiamo tutti insieme solo raramente. Pensa che quest’anno, per stare insieme, abbiamo festeggiato il mio compleanno due mesi dopo, a ristorante, nella prima domenica buona per tutti!
      Un anno come il tuo ora può succedere, è che non deve diventare l’abitudine, dal mio punto di vista.
      Detto ciò, struffoli virtuali anche per te… e comunque la ricetta di mia nonna ce l’avere e un uomo in cucina è sempre una bella cosa!

  16. 🙂 Grazie. Buone Feste, comunque!!

  17. La vigilia di Natale? Da anni è di lavoro (in casa) a completare la preparazioone del pranzo del giorno dopo.
    Quest’anno è la replica degli anni precedenti.
    Cominciano a venirmi a noia queste feste. Si lavora in casa il doppio (aiuto la moglie tra pulizie e pranzi) e si ricavano zero soddisfazioni.
    E va bene dico sempre così…

    • ro ro

      Orsone, suvvia, hai avuto un momento di sbandamento scrivendo, vero? Chissà che si mangia da te… Cappone? Datteri ripieni di mascarpone?

      • Sbandamento? Un ruzzolone…
        Cosa?
        Pasticcio di maccheroni, cotechino con purea e altre cose sfiziose..
        Succiente?

        • ro ro

          Mi pare molto bene, molto molto bene!

  18. Effettivamente quegli struffoli sono parecchio invitanti :Q__
    Qui domani saremo in undici, però niente gatti né bambini né nonne. In compenso c’è la madre di mio zio, che nessuno sopporta. Sepoffà?

    ps: auguroni 🙂

    • ro ro

      Tanti auguri anche a voi! Mi pare un buon numero: ci sono decisamente le basi per un bel festeggiamento. 🙂
      Seguirà uno dei tuoi reportage? Lo spero.
      Ciao!

  19. Ti confesso che mi autoinviterei volentieri a fare gli strufoli di tua nonna stasera e a bere un bicchiere di vino! 😀

    Buon Natale, di cuore, Ro!

    • ro ro

      Tempismo perfetto! Invece do farli stamattina, sono alle prese con l’impasto proprio ora. Passa un buon Natale! Un abbraccio virtuale da tutto noi.

    • ro ro

      Buon Natale!

  20. duepassietorno duepassietorno

    auguri : )
    A

    • ro ro

      Come sono felice di sentirti! Grazie e tanti auguri anche a te!! 🙂

      • duepassietorno duepassietorno

        riprenderò presto!

        • ro ro

          L’importante è che tu stia bene 🙂

  21. Ho letto troppo tardi.
    L’anno prossimo sei invatata (anche accompagnata).
    Garantiamo almeno venti persone da 0 a 70, antipasti, primo, pesce e cazzeggio libero. Segue apertura di pacchi con Babbo Natale che si fa vedere mentre lascia i doni (puoi anche farlo tu, se ti va).

    Ciao c

    • ro ro

      Ciao, grazie, grazie mille!! Ho gradito molto tra l’altro il “anche accompagnata”. Sai, proprio ieri parlavo con mio padre della cena di S.Silvestro che sta organizzando a casa sua. Mi diceva che una sua amica ha chiesto se poteva andarci con un amico e mio padre le ha detto di no… La motivazione è stata che sono in sei e in sette gli si “rovina il tavolo”.

  22. Giusto così, alla vigilia ci vogliono confusione e regali. Non demordere, c’è sempre speranza di educare qualcuno! 😉

    Ps. gli struffoli son stati la mia scoperta di quest’anno: entrare in una famiglia di napoletani distrugge la dieta ma migliora la conoscenza culinaria.

Rispondi

Scroll Up
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: