Skip to content

Il mimo (io ballo da solo)

Non ho mai frequentato molto le discoteche. Giusto nel periodo della mia vita in cui adoravo rotolarmi lingua in bocca con qualche altra adolescente in polverosi divanetti la domenica pomeriggio. Che detta così pare succedesse tutte le domeniche. Invece erano cerchi rossi sul calendario.

In quel periodo ballavo. Ballavo perché non c’era davvero altro che si potesse fare, in quelle domeniche pomeriggio, a parte i suddetti esercizi per la lingua.

Non ne sono mai stato capace. Sono uno che ha il senso del ritmo e tutto, ma muovermi in maniera armonica è qualcosa di probabilmente troppo complicato. Penso d’altra parte che in quelle domeniche pomeriggio fossero in pochi, fra gli uomini,  a riuscire in questo intento. Una mandria di animali intenti ad agitare le loro braccia con il serio rischio di colpire qualcuno e ferirlo a morte. Eravamo questo, più o meno tutti.

Poi sono successi almeno quindici anni, dei titoli di studio, dei lavori, qualche donna, troppe riunioni e molte altre cose dimenticabili. Mentre succedeva tutto questo, in linea di massima, non ho ballato. Poi è venuta una cena di lavoro, l’estate scorsa. Hanno deciso di organizzarla in quel locale. Abbiamo cenato – male – e immediatamente dopo ho indossato la mia migliore faccia stanca che diceva “meglio che vada”. E’ finita con qualcuno che mi trascinava in pista (giuro che mi sono opposto fermamente, seppure inutilmente) e frasi come “dai, ti diverti, guarda quella quanto è bella, hai bisogno di rilassarti, lasciati andare”. Ne risulto io, in mezzo ad una pista da ballo, a scoprire che quella, da vicino, non è neanche ‘sto granché.

Mi sono salvato con la tecnica di Alex Hitchens. E mentre ballavo, giuro, mi sentivo anche in armonia con i resto del mondo.

La verità è che a me piace la musica rock. E la musica rock non la ballo, io la mimo.

34 Comments

  1. Fuori il video. 😀

    • Fa Fa

      :))))
      Sarebbe divertente. Per voi.

    • Fa Fa

      Nonostante la mia formazione da chitarrista, normalmente sono più portato per l’air drumming. 🙂

  2. per ballare veramente bisogna avere qualche anno di più, i freni inibitori diminuiscono insieme al senso dell’osceno. Sono arrivata al punto di ballare … latinoamericano … Prossimamente tango … A mi manera …

    • Fa Fa

      Oddio, gli anni credo ci siano. E non ho nulla contro il latino americano. Anzi, pare divertente! Anche il tango mi pare un’ottima scelta!

  3. Non sono un ballerino nemmeno io, troppa vergogna di se stessi. Bello, comunque (il pezzo)

    • Fa Fa

      Grazie! Non so cosa sia. Ma io sono per le cose belle. E mi preferisco da fermo, diciamo. 🙂

  4. rO rO

    Faccio parte di quelle donne che giudica l’abilità sessuale di un uomo anche dalla danza. Come non amare uno che si muove senza troppa scompostezza? 😛

    • Fa Fa

      Centinaia di uomini, questa sera, resteranno al bancone del bar e non scenderanno in pista a causa di questo commento. 🙂

      • rO rO

        Cialtrone che sei!! :))

  5. delicatepoppy delicatepoppy

    Questo post sembra fatto apposta per la mia serata. Io sono una che non è mai entrata in una discoteca fino a due anni fa: non mi piaceva muovermi e odiavo la musica, la mia adolescenza è stata piena di concerti rock. Stasera invece andrò ad una festa discotecara..e penso che mi divertirò..forse i miei freni inibitori si stanno allentando?

    • Fa Fa

      L’importante è non smettere di andare ai concerti rock. Una festa in discoteca può essere divertente. Se potessi scegliermi la colonna sonora mi divertirei anche in ufficio, probabilmente.

      • delicatepoppy delicatepoppy

        certo che no…i concerti rock, rimarranno sempre la mia passione 😀

  6. Ho passato i primi 20 anni della mia vita a vergognarmi di brutto, odiavo i ragazzi che trovavano il fegato di ballare. Per me era impensabile, mi sentivo goffo e ridicolo.
    Poi non so cosa sia successo, ma su tutti i fronti del mio rapporto col prossimo ho iniziato a fregarmene altamente, così anche nella danza. E ora non posso non ballare, faccio le mosse che mi pare e più ballo più ballerei.
    E ho scoperto di ballare niente male!

    • Fa Fa

      Che ballare sia divertente è fuori di dubbio. Ed è fuori di dubbio che qualcuno, anche fra noi uomini, lo sappia fare.
      D’accordo con te, nonostante tutto, sul “me ne sbatto altamente”.
      Continuo tuttavia a non trovarmi particolarmente armonico.
      Ma sono sensazioni, non ballo allo specchio.

  7. Ricordo che una volta provai a mettere piede in discoteca, avevo 15 anni: mi è bastata ed avanzata, non è mai stato un ambiente che mi piace perchè ho sempre avuto una concezione diversa del divertimento autentico.
    Dammi una cantata folk, la mia ragazza, 4 amici fidati, un fuoco, una foresta o una spiaggia: io ti do la festa! 😀
    Buona domenica!

    Stefano

    • Fa Fa

      Quoto tutto. Dalla cantata al fuoco, alla spiaggia.
      Vogliamo metterci un paio di birre?
      Dai. 🙂

    • Se volete potete venire alla mia capanna di legna che ho costruito nell’alveo del Po, recuperando i tronchi depositati lungo le spiagge dalle piene primaverili…
      😉

      • rO rO

        Grazie 🙂 Io ci sto!! Signori, abbiamo trovato dove organizzare un week end a base di buon cibo, alcol e rock! Non resta che assegnare i compiti per le vettovaglie e l’intrattenimento!

      • Fa Fa

        Posso portare la chitarra? Non credo ci siano persone da disturbare, sarà un po’ isolata, immagino…

      • Ma certo! =) avanti con la chitarra, se trovo un generatore io ci metto il basso! Quella capanna ha visto cose che noi umani…
        Una volta ci ho trovato un pescatore che, approdata la barca in riva al fiume, è andato dentro a schiacciarci una pennica furiosa. Ho aspettato che si svegliasse, nel mentre mi son messo a leggere. Quando si è alzato mi ha fatto un gran sorrisone sdentato, m’ha stretto la mano ed è tornato a pescare, salutandomi in una lingua sconosciuta.
        Mi ha messo il buon umore per i successivi 3 mesi…

    • rO rO

      Grazie 🙂

  8. Ho frequentato pochissimo le discoteche in vita mia, non riuscendo a parlare con le persone che mi stavano accanto e cercando in ogni caso di farlo nonostante i decibel. Non ho mai frequentato nemmeno le feste in maschera in discoteca. Ieri sera sono tornata dopo moltissimo tempo e mi sono ritrovata in un crogiolo di epoche della vita travestite da carote, power rangers, uomini farfalline, vescovi, primari, uva… ed essendo la serata accompagnata da musica rock, mi sono goduta lo spettacolo ballando in modo inappropriato e mimico nelle vesti di Eva Kant. E’ stato quasi piacevole perché il senso della danza come disciplina artistica o arte dell’approccio si era perso del tutto.

    • Fa Fa

      La musica rock fa sempre la differenza, per quanto mi riguarda. La gente rock, anche. “il senso della danza come arte dell’approccio” è una bella immagine. Dovremmo imparare dal mondo animale.

  9. afrore afrore

    W la discoteca, vi puoi ballare oppure solo sorseggiare un long drink in mezzo a gente giovane. Puoi ascoltare musica moderna, quella elettronica e non quelle note trite ritrite e antiche che provengono dal blues, si si quello che chiamavano blues elettrico e che poi la gente ha cominciato a chiamare rock e che il prossimo anno compie 60 anni. Va bene che producono ancora musica swing ma il rock non è tanto più giovane o più moderno.
    E qui scatenatevi in invettive 🙂

    • Fa Fa

      Eccolo, il più rockettaro di tutti che prova a scatenare la rissa. 🙂

  10. eheheheheh…mi son rivisto in (quasi) tutto.
    sta storia dell’ok-ritmo e peste-armonia mi sa che è nata col genere maschile.
    Bel pezzo.

    A

    • Fa Fa

      Grazie!

  11. Meglio tardi che mai 😉 “Mimare” il rock va benissimo come inizio di un viaggio che spero essere lungo per te …

    • Fa Fa

      Il viaggio è iniziato un bel po’ di tempo fa….
      E sarà sicuramente lungo. Già m’immagino a 90 anni a suonare un qualsiasi strumento immaginario. Sarò l’eroe dei miei nipoti (che ascolteranno inevitabilmente musica dance). :)))

  12. ahahah quel video è fantastico, mi fa sorridere ogni volta che lo vedo! forse perchè pure io, quando sento la musica, certe canzoni non tutte, non posso più controllarmi!

  13. Ma anche la musica rock insegna a muoversi! Dipende da quale, insomma.

Comments are closed.

Scroll Up
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: