Skip to content

Il Grosso gatto narcisista

Ero seduta al computer con l’intento di raccontarvi tutt’altro ma dato che la situazione è questa

mi sento obbligata a parlarvi ancora del Grosso.

Tanto per cominciare, il Grosso è un soprannome, ma lui mi ha detto che ci tiene alla privacy e che preferisce che continui a chiamarlo così.

Il felino ha particolari gusti musicali che esprime chiaramente: l’ultima volta che ho provato a mettere il mio adorato “best of Guns’n Roses” ha gnaulato davanti alla porta grattandoci furiosamente sopra. Non ho capito se voleva scappare per non sentire più quello strazio o se voleva soltanto coprire il “mio rumore” con il “suo rumore” ,ma è cambiato poco. Ho spento e lui ha smesso. Vabbè.

In compenso quando il mio amico Fa, a Natale, mi ha regalato la raccolta degli Afterhours il Grosso ha dimostrato di apprezzare, soprattutto il pezzo intitolato “Male di Miele” durante il quale correva su e giù per la casa inseguendo sua sorella e rimbalzando sui muri. Vi giuro che usava il muro del corridoio come sponda per saltare sull’altro. Praticamente quello che a me nei videogiochi non riesce mai (in Ninja Gaiden avevo male ai muscoli della mano ma non riuscivo a farli quei maledetti salti sui muri). Ecco, lui invece li faceva nella realtà. Producendo anche una serie di versetti di apprezzamento. O di sfottimento. Non so.

Quello che so è che Fa ha commentato con soddisfazione “… quel gatto ne sa di musica, porcocazzo”.

Uno dei suoi passatempi preferiti è far cadere gli oggetti dal tavolo della cucina e poi osservare l’effetto che fa. La massima soddisfazione la ottiene con gli oggetti che fanno molto rumore (ovvero tutti quelli frangibili) al secondo posto ci sono gli oggetti rotolanti. Uno su tutti le bottiglie dell’acqua minerale, che trovo spesso al centro della stanza. Il problema è che non ha ancora capito che esistono bottiglie che cadono e si rompono e bottiglie che cadono e rotolano. Per esempio, era piuttosto schifato quando ha fatto cadere dal tavolo la bottiglia dell’olio (che io avevo appena portato a casa dal supermercato e che non avevo ancora avuto il tempo di riporre). Mi sono girata un attimo et voilà. Il pavimento, di legno, era ricoperto di uno spesso strato d’olio.

Per motivi di decenza sorvolerò su quello che ho detto io.

Mi limiterò a dirvi che lui camminava nell’olio in punta di zampe con fare schifato e in tre balzi era sopra al divano. Sorvolo anche qui sui miei commenti. A volte mi meraviglio di quello che riesco a dire.

Se non c’è nulla da buttare giù dal tavolo si diletta in altre simpatiche iniziative, ad esempio, staccare le mascherine delle prese della corrente. Non ci credevo neanche io quando l’ho visto trascinare una cosa di plastica nera. Poi ho capito cos’era quel rumore di unghie sul muro. Eccovi la prova fotografica.

C’è una cosa che ama più di tutte. Essere al centro dell’attenzione, sempre e comunque. E il più delle volte ci riesce. In modo negativo, ma ci riesce.

Ora voi vi chiederete chi me lo fa fare a nutrire questo onnipresente, narcisista, genio del male.

Beh, devo ammettere che a tratti è adorabile. Per esempio quando si trasforma in mocio per aiutarmi a spolverare il pavimento

E purtroppo quando lo vedo così non so resistergli. È un seduttore nato.

Fosse un uomo sarebbe la fine.

 

39 Comments

  1. lemiestraneidee lemiestraneidee

    Letto d’un fiato 🙂 sarà la mia passione per i gatti, sarà che scrivi benissimo complimenti !! bel gatto, bell’articolo… mi ha ricordato la mia micia quand’era un pò più giovincella e furbetta 🙂 ! Ora sta spesso a dormire al calduccio sulla ventola del pc portatle proprio come il tuo gatto nella foto … a presto… Lara

    • Vale Vale

      Grazie! Penso che sentiremo ancora parlare di lui 😉 a presto

  2. RiVerso RiVerso

    “Fosse un uomo sarebbe la fine” Ancora ci rido. Complimenti 😉

    • Vale Vale

      Ed è vero, perchè in passato un uomo narcisista me ne ha fatte passare diverse. Adesso pero’ sono “guarita”!

  3. Alex Alex

    Bellissimo racconto ! Il Grosso non è grosso, è questa folta pelliccia che la bestiola è costretta a portare a casa….poverino, ma non potresti riscaldare un po’ la casa ?

    Alex

    • Vale Vale

      Ahahah! Beh il Grosso è anche grosso, pesa circa 6 kg! 🙂

  4. No, vabbé.
    Sto morendo dal ridere.
    Post bellissimo.
    E adoro quel gatto.
    Lo adoro.

    • Vale Vale

      😀 se devi demolire la casa te lo presto un paio di giorni…

  5. elinepal elinepal

    E meraviglioso! Mi ricorda troppo quello che combina la mia Gilda, detta anche la Furia Buia. Buona serata!

    • Vale Vale

      Furia Buia? Soprannome fantastico per una gatta che si chiama Gilda! Buona serata anche a te

    • rO rO

      Non la conosci! È stra brava con le piante!! Altro che pollice verde. Casa sua è una serra!

      • Vale Vale

        Grazie Ro! 🙂 a breve un post su questo, allora

  6. Daniele Daniele

    Grazie della condivisione.
    La gatta Luna che abita dai miei, oltre ad essere un sosia in femminile del Grosso, fa esattamente le stesse cose: dal rimbalzare sui muri, al buttare oggetti frangibili giù dai mobili.
    I gatti sono fantastici: assolutamente egocentrici ma irresistibili.

    • Vale Vale

      Dovrò dire al Grosso che c’è una sua sosia da qualche parte… Anche Luna detesta i Guns’n Roses?

      • Daniele Daniele

        Non conosco i suoi gusti musicali, dico la verità.
        Ma adora gli sport dove si fa uso di palle.

  7. Le reazioni del Grosso sono del tutto naturali e legittime: anche il mio gatto, quando ascolto qualcosa di suo gradimento, se ne sta buono e sereno nel suo cantuccio; in caso contrario, non solo mi tocca sentire le sue rimostranze (sotto forma di stentoreo miagolio), ma debbo anche subire l’onta della sua fuga dalla stanza, che sottintende la cattiva qualità di ciò che sto ascoltando. Musica da cani, forse?

    • Vale Vale

      Musica da cani dici? Cavolo, non ci avevo pensato… Scriverò agli Afterhours per far loro sapere che secondo il Grosso (che di musica ne sa) loro suonano musica da gatti. E questo è un bellissimo complimento! 😉

  8. hai un gatto bellisimo! Negli atteggiamenti mi ricorda la mia, Sierra. Proprio ieri, appena chiusa la porta di casa ho sentito un macello al piano di sopra: mi aveva scaraventato per terra la tazza della Thun, un regalo di natale.
    Dici che è un pò come la storia dei Gun’s? 🙂

    • Vale Vale

      Secondo me non ci sono dubbi! 😀 in alternativa… Alle volte le distruzioni sono “mirate”: vorrei chiederti che rapporto hai con la persona che te l’ha regalata

      • ahahah, beccata…:) il Grosso ti ha passato un intuito felino….

        • Vale Vale

          😉

    • Vale Vale

      🙂 mi dice di ringraziarti

  9. Ho sempre pensato che certi acuti di Axel assomigliassero al richiamo dei gatti in calore…

    Però gli Afterhours spaccano, ed il tuo gatto lo sa. Come potrebbe non saperlo? Respect for your cat!

    • Vale Vale

      Ahahahah! Ti stimo fratello!

  10. lemiestraneidee lemiestraneidee

    Ciao … non so se ti può far piacere o meno, ma … visto che leggo volentieri ciò che scrivi e scrivete nel vostro blog, vi ho “assegnato” il “Liebster Award” e vi ho nominato nel mio articolo …

    • Vale Vale

      Sei stata molto gentile 🙂

  11. Quando sono arrivato alla foto del gatto-mocio sono letteralmente scoppiato a ridere. È fantastica. Dalle frasi successive, però, pare emergere un insano feticismo per gli uomini-straccio. È preoccupante (nel senso buono del termine, eh!) 😛

    • Vale Vale

      “insano feticismo per gli uomini straccio”…. Ahahah! Non l’avevo pensata in questo senso… Interessante prospettiva 🙂

  12. che mitooooo… le mie due ragazze si sono innamorate 😀

    • Vale Vale

      Pur avendo raggiunto da tempo la pace dei sensi, il Grosso riscuote ancora un dicreto successo con le feline!

    • Vale Vale

      🙂

  13. La ruffianaggine dei gatti!
    Il maschio, quello piccolo, anche lui adora far rotolare le cose. Ma per quanto riguarda le prodezze sui muri, fidati, dev’essere talento naturale di tutti i felini di casa. Con grande confusione dei proprietari.

    • Vale Vale

      🙂

  14. Solo tre o quattro cose passano la tua censura. Sesso, violenza e foto di gatti (cit.).

    • Vale Vale

      Ti pare poco? 🙂

Comments are closed.

Scroll Up
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: