Skip to content

La morale della birra

Oggi alle ore 13.25 un messo comunale mi ha notificato che sono stata nominata presidente di seggio alle prossime elezioni.
Stamattina alle ore 9.00 dicevo a Fa che ultimamente ho troppe cose nella mia vita, che è intasata e che vorrei avere solo quelle che mi piacciono e mi fanno star bene. Invece la vita è piena di sorprese.

14.46 ro a Vale e Fa:
“Un messo comunale a pranzo mi ha notificato che sono stata nominata presidente di seggio alle elezioni. Sono contenta? Non sono contenta? Non lo so.”

Commento di Fa a riguardo:
“Presidente? Uh. Allora: sei contente perché ti danno 150 euro. Non sei contenta perché per quei soldi devi buttare un fine settimana. Peró va bene, tutto sommato.”

Commento di Vale a riguardo:
“Presidente del seggio? Bah, meglio presidente, che no. Non sono molti i soldi, e ti occupa un sacco di tempo, ma conosco gente che alla fine si è divertita un casino perchè ha conosciuto gente giovane e simpatica. Se cadi bene secondo me rischi di divertirti”.

Commento di Fa:
“Vi diró: in tanti anni di onorata attività di scrutatore, non mi sono mai proprio divertito. È sempre abbastanza noioso. Peró.
Io mi sono innamorato, al seggio 12 del Comune di V. Nel 1999.
Lei l’ho conosciuta cosí. Per cui conservo sempre un bel ricordo.
Vabbé, se eravamo giovani. Porcocazzo.”

E con questo ultimo commento, credo che non ci sia altro da aggiungere.

nomina a presidente di seggio

Un professore di filosofia iniziò la lezione posando sulla cattedra alcuni oggetti. Prese un vaso vuoto e lo riempì con sassi di 5-6 cm di diametro, poi chiese agli studenti se il vaso fosse pieno e loro risposero di sì. Allora prese una scatola di sassolini più piccoli e li versò nel vaso: i sassolini rotolarono negli spazi vuoti fra i sassi e il professore chiese ancora se il vaso fosse pieno e gli studenti risposero ancora di sì. Prese allora una scatola di sabbia e la versò nel vaso. La sabbia riempì ogni interstizio. Ancora una volta il professore chiese agli studenti se il vasetto fosse pieno e anche questa volta essi risposero di sì, senza alcun dubbio. Allora il professore tirò fuori da sotto la scrivania, 2 lattine di birra e le versò completamente dentro il vasetto, inzuppando la sabbia.
Ora – disse il professore – voglio che voi riconosciate che questa è la vostra vita. I sassi sono le cose importanti: anche se ogni altra cosa dovesse mancare, la vostra vita sarebbe comunque piena! I sassolini sono le altre cose che contano: il lavoro, la casa, la moto, la sabbia rappresenta le piccole cose. Se voi riempite il vaso prima con la sabbia, non ci sarà più spazio per rocce e sassolini e lo stesso è per la vita. Se voi spendete tutto il vostro tempo ed energie per le piccole cose, non avrete mai spazio per le cose importanti. Fissate le vostre priorità! Il resto è solo sabbia!”
Una studentessa allora alzò la mano e chiese al professore cosa rappresentasse la birra. Il professore sorrise e disse “Sono contento che me l’abbia chiesto: era giusto per dimostrarvi che non importa quanto piena possa essere la vostra vita, perché c’è sempre spazio per un paio di birre!”

17 Comments

  1. C’è sempre spazio!

  2. Reblogged this on apoforeti and commented:
    Questa storia la sapevo senza la birra, la sua introduzione mi sembra rischiosa (e significativa)…

  3. Questo per giustificare la tua futura sbronza al seggio? =)

    • rO rO

      Questa potrebbe essere un’ottima idea, sai? Pensa che devo anche nominare un/a segretario/a, che potrei giustamente istruire a fornitore di birra….

      • Vale Vale

        Suppongo tu non possa scegliere a questo scopo un segretario tra i tuoi amici…

        • rO rO

          Ovviamente questo è stato il mio primo pensiero quando ho pensato al segretario. Il punto è che devi risiedere nel mio stesso comune.

  4. jolienight jolienight

    …c’è sempre spazio per un paio di birre… con un Amico 😉

  5. Davvero una bella metafora, anche se sostituirei volentieri la birra con un delizioso bianco frizzante!

  6. italianamentescoretta italianamentescoretta

    “La vita è piana di sorprese.”
    E le sorprese sono piene di vita.

    r.

    • rO rO

      🙂

  7. A me piaceva tantissimo!
    Lo facevo sempre ai tempi dell’Università. Adesso il ns comune lo fa fare solo ai giovani o disoccupati… ma ti posso garantire che io mi divertivo, tanto: la gente è buffa…

    “All world’s a stage!”

    • rO rO

      Sto pensando di prenderla così anche io. Che ho bisogno di vedere facce nuove, storie diverse, allargami un po’ pa mente.

  8. Afrore Afrore

    Sabbia nel mare, sassi in campagna e pietre in montagna; e questa è la metafora. E la birra chiedera qualcuno. La birra, ovunque tu sia ma solo in compagnia, al mare in campagna o in montagna. Le lattine infatti sono due.Morale: non si beve mai da soli.
    Ma la morale delle morali è che ci sarà sempre un qualcuno, asseritamente illuminato, che vi vorrà convincere che la sua e solo la sua è la vera visione corretta della realtà, e con sguardo tra lo stupito e l’annoiato vi taccerà dicendo: l’hanno detto in televisione.

  9. Ciao! Hahahaha conoscevo questa morale della birra, l’ho anche presa abbastanza alla lettera.. :p Comunque, al seggio si possono fare belle esperienze, ho fatto lo scrutatore per 5 volte e solo in un’occasione la compagnia era pessima! Altrimenti mi sono sempre divertito!!
    Un saluto!!

    Stefano

    • rO rO

      E io confido di avere uguale sorte!

      • Dai dai, vacci fiduciosa! Dalla paga potrai tirare su un weekend di festa con gli amici!!

Comments are closed.

Scroll Up
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: