Skip to content

Un diamante da Tiffany

I diamanti sono i migliori amici delle donne, se incastonati, meglio ancora. Avere infatti dei preziosi diamanti in un sacchetto è per una donna l’equivalente di un conto in banca da cui non puoi prelevare soldi. Meglio pensarli in una vetrina di Tiffany e poco dopo addosso a noi. Ovviamente vale anche per Damiani, Cartier, per De Beers e Bulgari.
L’acquisto on-line è lecito.
I paesi che producono il maggior numero di diamanti sono in centro Africa ( Angola, Congo e Botswana…. poi ti chiedi perché esiste un club Lions in Botswana! ), poi Russia e Brasile. Ad una donna tuttavia importa poco da dove arrivino, salvo che non voglia concentrasi sul paese in cui pensa di trasferirsi per trovare un facoltoso marito. Ad una donna piuttosto importa che un diamante sia grande, puro, tagliato in maniera impeccabile e lucente.

Per riconoscere un diamante considerate le quattro C:
Carat ( peso ). Un carato equivale esattamente a 0,2 grammi. Miseria. Un diamante da mezzo carato poi è invisibile: tanto vale pensare a delle alternative. Se sei un uomo che vuole stupire e conquistare una donna, ma sei un morto di fame, falle un cd con le canzoni d’amore che più senti tue e scrivile un tenero messaggio con carta e penna. E qui ho finito la Rubrica di Zia Ro.
– Colorless ( senza colore). Per quanto un diamante “rosa” sia interessante e rara, rimane il fatto che è “sporco” e poi i diamanti rosa o rossi non sono mai generalmente di grandi dimensioni. Ovviamente alla vista nessun diamante potrà apparire immediatamente senza colore in quanto le sfaccettature riflettono i colori dell’ambiente circostante. Dovete quindi guardarli con molta attenzione. Esiste una classificazione per tali impurezze di colore, dove la ‘D’ rappresenta l’incolore di purezza eccezionale e la ‘Z’ un giallo chiaro. Esistono anche i diamanti blu e quelli verdi, molto rari.
Carbon ( purezza ). I diamanti hanno normalmente dei difetti naturali, delle fessure o “ghiacciature”. Meno ne ha più ovviamente il diamante è prezioso. Deve essere trasparente, come un sincero amore.
Cut ( taglio ). Le migliori scuole di tagliatori di diamanti sono in India, nella metropoli da quattro milioni di abitanti di Surat, a Tel Aviv e ad Anversa. Ci sono numerosi tagli e tra questi il taglio a brillante è il più famoso e corrisponde a 57 faccette. Per questo molti confondono i due termini. Ovviamente anche altre pietre possono essere tagliate a brillante. E oltre al brillante è possibile trovare diamanti con taglio a cuore, a brillante ovale, a goccia, a rosetta e tanti altri ancora. I diamanti inferiori ad un carato, infimi per qualsiasi degno anello di fidanzamento, sono stati suddivisi in tre categorie: “very good” (brillantezza eccezionale o con irrilevanti difetti), “good” (brillantezza leggermente inferiore con alcuni elementi più visibili), “poor” (scadente, con difetti più grandi e/o numerosi).
Quando si valuta il taglio di un diamante è bene considerare anche la simmetria dello stesso, la cui assenza pregiudicherebbe il percorso che la luce fa entrando e uscendo dalla pietra.
Il taglio, il design, è fortemente influenzato dalla moda.
Un taglio relativamente recente è il Passion Cut, il cui design riesce a catturare le diverse luci che arrivano al centro del diamante. Il numero delle faccette passa dalle 57 del brillante a 81. Non può essere realizzato su diamanti di piccole dimensioni.PC DiamondAnatomy B-W

Dei diamanti sintetici non scrivo neanche. Parliamo di AMORE, mica di un’uscita per un aperitivo!

4 Comments

  1. “Se sei un uomo che vuole stupire e conquistare una donna, ma sei un morto di fame, falle un cd con le canzoni d’amore che più senti tue e scrivile un tenero messaggio con carta e penna.”

    Fiuuuuuu….

    • rO rO

      Fatto?

      • Al presente? No.
        Al passato? Tanti si, lascio bei ricordi io!

Comments are closed.

Scroll Up
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: