Skip to content

Bon ton per speed date

Prossimamente il Veneto spopola: forse l’artigiano lavoratore non ha tempo per le pubblic relations dopo dodici ore di fabbrica e quindi arriva a quarant’anni bisognoso di trovare Giulietta in maniera organizzata. Treviso, Padova, Verona. I veneziani sicuramente non ne hanno bisogno: loro hanno il mare!

Speed date

Con chi ci vado?
Direi che è bene non andarci con il vostro/vostra migliore amico dell’altro sesso, altrimenti rischiate di impegnare i tre minuti con lui/lei a discapito del tempo che potreste passare con Tommaso Turco, rampante bancario dall’occhio verde o con Maria B., procace medico pediatra. Certo è che se ci andate da soli rischiate di passare minuti interminabili in silenzio con un’havana cola in mano in attesa dell’inizio del gioco, che ovviamente prenderà vita in ritardo per consentire al locale di incassare qualcosa dal bar; arrivare al tavolino allegri è consigliabile, arrivare invece impediti nella deambulazione comprometterebbe la buona impressione che vorreste dare. Suggerimento vivissimo: andateci con un’amica/amico del vostro sesso e magari che abbia il cuore occupato così che non accada che nei giorni seguenti incappiate in Don Juan De Marco Maestro d’Amor o in Penelope Cruz a manina manina per il centro con il vostro (ex) migliore amico/a.
Andare allo speed date in compagnia vi consentirà inoltre di spettegolare a riguardo per molto tempo a venire, potendo allietare amici e parenti in serate conviviali e persino a Natale al momento della tombola. Questa storia sarà paragonabile per interesse a quella in cui avete conosciuto Alessandro Benetton che vi ha fornito del suo numero di cellulare.

Quindi che ora ci vado allo speed date?
Diciamo in orario, mezz’oretta prima, segui le istruzioni. Se arrivi dalla campagna di Rovigo, considera che ci vuole un po’ per raggiungere Treviso e che in autunno, per quanto tu sia abituato, c’è la nebbia.

Donne, cosa mi metto allo speed date?
Classe. Abbiate buon gusto e considerate che non c’è mai limite alla sfiga, quindi potreste incontrare sì il sosia del vostro affascinante vicino di casa brasiliano ma anche la figliola nana del vostro capo nano o, ancora peggio, vostro fratello. Niente vestiti da zoccola quindi. Per quelli c’è sempre tempo in seguito. Stile Burberry va bene, stile tubino minimal chic va bene, scarpa da ginnastica per quanto trendy, con le borchiette e la zip di lato, in quei posti lì di solito non va bene.
Sei uomo? Lavati, profumati e metti una camicia azzurra. Evita le scollature che non sei un tronista e non sei neache figlio di Don Vito Corleone.

E ora la questione “che gli/le dico?”.
Sbizzarritevi! Considerando che su trenta persone che incontrerete, almeno dieci forse saranno fuori range per età o gradevolezza d’aspetto, il suggerimento è prenderla in gran leggerezza. Le possibilità che incontriate la vostra metà della mela sono scarsissime. E’ molto più facile che troviate il batterista per il vostro complessino rock, un nuovo lavoro o un’amica per due chiacchiere a sfogo ogni tanto. E’ anche possibile che tra una cosa e l’altra vi abbordi il barista e che vi piaccia essere abbordate dal barista. Lo speed date va preso così: è un modo per trovare amici e non necessariamente per fidanzarsi.

Domanda: ma è vero che chi ci va è mediamente depresso e sfigato? Non credo che chi è depresso si butti in situazioni del genere. Il depresso sta a casa e guarda Grey’s Anatomy. Quanto allo sfigato, può essere, mettetelo in conto, ma anche i nerds hanno il loro fascino e uno che ne sa di mac può sempre tornar utile.

Domanda bis: e se sono tutte cozze che faccio? Fai che francamente te ne infischi e ordini un altro aperitivo per te e per Rossella O’Hara. E sii gentile perchè ogni persona che avrai di fronte è una persona, con i suoi pesi e i suoi problemi.

Infine ( solo per donne con le quali mi sento solidale ) ricorda quanto è scritto nel Manuale dell’Eterno Adolescente:
Programma del Marito Perfetto: non innamorarsi delle seguenti categorie di uomini:
a) abbastanza giovani per essere vostri figli (se a avete trentaquattro anni e vi innamorate di un ventenne, non vale il ragionamento “non avrei certo fatto un figlio a quattordici anni io!” )
b)ad oltre cinquanta chilometri di distanza
c)sposati o fidanzati
d)gay
e)preti
f) impossibili (Bread Pitt)
g) inesistenti (Uomo Ragno)

One Comment

  1. I nerd sanno essere degli amanti fantastici (e per amanti intendo in senso totale, non puramente sessuale, sia ben inteso) e molto fantasiosi; dovevo per forza spezzare una lancia.
    Sarebbe una di quelle esperienze da provare, per una volta. Anche se, oddio, quanto arrossirei.

Comments are closed.

Scroll Up
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: